Potsdamer Straße

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Potsdamer Straße
Potse Richtung Schoeneberg an Kurfuerstenstrasse.JPG
Localizzazione
StatoGermania Germania
CittàBerlino
DistrettoMitte, Tempelhof-Schöneberg
QuartiereTiergarten, Schöneberg
Codice postale10783, 10785
Caratteristiche
Tipostrada urbana
Pavimentazionein asfalto
Intitolazionealla città di Potsdam
Collegamenti
InizioLeipziger Straße
FineHauptstraße
IntersezioniBülowstraße
Luoghi d'interessevedi
Trasportivedi
Mappa

Coordinate: 52°30′02.72″N 13°21′49.11″E / 52.500756°N 13.363642°E52.500756; 13.363642

La Potsdamer Straße (letteralmente: “strada di Potsdam”) è un’importante strada urbana radiale della città tedesca di Berlino.

Attraversa i quartieri di Tiergarten e Schöneberg ed è interamente parte della strada federale B1.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L’odierna Potsdamer Straße venne aperta come parte della Potsdamer Chaussee, la strada da Berlino a Potsdam fatta costruire dal 1792 al 1795 per unire le due residenze reali.

Il nome “Potsdamer Straße” venne assegnato nel 1831 al tratto più vicino alla città (a nord del Landwehrkanal) e al tratto successivo dieci anni più tardi.

Negli anni sessanta del XX secolo il tratto compreso fra Potsdamer Platz e il Landwehrkanal fu deviato su un nuovo tracciato corrente più a nord; il tracciato d’origine venne in parte cancellato dalla costruzione della nuova biblioteca nazionale, e in parte ribattezzato “Alte Potsdamer Straße” (“vecchia Potsdamer Straße”).

Tracciato[modifica | modifica wikitesto]

La Potsdamer Straße ha origine a Potsdamer Platz come prolungamento della Leipziger Straße e si dirige verso ovest costeggiando da ambo i lati i moderni edifici costruiti negli anni novanta del XX secolo; entrata nell’area del Kulturforum, con un’ampia curva a sinistra si dirige verso sud, varcando il Landwehrkanal. Attraversata la parte storica del quartiere del Tiergarten, entra nel quartiere di Schöneberg, dove ha termine presso il Kleistpark proseguendo con la denominazione di Hauptstraße.

Edifici notevoli[modifica | modifica wikitesto]

Sul lato sinistro:

Sul lato destro:

Trasporti[modifica | modifica wikitesto]

La Potsdamer Straße è percorsa per l’intera sua lunghezza da alcune linee di autobus. È incrociata da diverse linee metropolitane (la U1 alla stazione di Kurfürstenstraße; la U2 alle stazioni di Potsdamer Platz e di Bülowstraße; la U7 alla stazione di Kleistpark) e dalle linee ferroviarie S-Bahn, regionali e a lunga percorrenza che fermano alla stazione di Potsdamer Platz.

In passato sotto la strada era prevista la costruzione di un'ulteriore linea metropolitana, denominata U10; in previsione di ciò, la stazione di Kleistpark aperta nel 1971 fu costruita con una predisposizione all'interscambio con tale linea futura[12].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Architekturführer (2001), pp. 99-101
  2. ^ a b Architekturführer (2001), p. 105
  3. ^ Architekturführer (2001), p. 104
  4. ^ Bauen seit 1980 in Berlin (2005), scheda 691
  5. ^ Bauen der 70er Jahre in Berlin (1981), scheda 284
  6. ^ Bauen der 70er Jahre in Berlin (1981), scheda 287
  7. ^ Architekturführer (2001), p. 103
  8. ^ Architekturführer (2001), pp. 108-109
  9. ^ (DE) Der Senator für Bau- und Wohnungswesen (a cura di), Bauten der 80er Jahre in Berlin, Berlino (Ovest), 1987, p. 56, ISBN non esistente.
  10. ^ Bauen der 70er Jahre in Berlin (1981), scheda 285
  11. ^ Architekturführer (2001), p. 330
  12. ^ (DE) Die Linie 10 - Berlins Phantomlinie, su berliner-untergrundbahn.de. (archiviato dall'url originale il 18 novembre 2007).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Rolf Rave, Hans-Joachim Knöfel e Jan Rave, Bauen der 70er Jahre in Berlin, Berlino (Ovest), Verlag Kiepert, 1981, ISBN 3-920-597-40-0.
  • (DE) Rolf Rave, Bauen seit 1980 in Berlin, Berlino, G+H Verlag, 2005, ISBN 3-931-768-80-5.
  • (DE) Martin Wörner, Doris Mollenschott, Karl-Heinz Hüter e Paul Sigel, Architekturführer Berlin, 6ª ed., Berlino, Dietrich Reimer Verlag, 2001, ISBN 3-496-01211-0.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]