Porta (calcio)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Una porta da calcio con misure regolamentari: il giocatore all'interno è il portiere.

La porta è un elemento del campo da calcio, delimitante il limite del rettangolo stesso.[1]

Misure regolamentari[modifica | modifica wikitesto]

Assieme al pallone, rappresenta un elemento fondamentale del gioco: la sfera deve infatti essere inviata all'interno della porta per realizzare un gol.[2]

Obbligatoriamente di forma rettangolare, le porte sono composte da due pali alti 2,44 m ciascuno[1]; essi sono congiunti — in senso orizzontale — da una traversa lunga 7,32 m.[1] Tanto i pali quanto la traversa devono essere di colore bianco ed avere la stessa larghezza, purché non superiore ai 12 centimetri. Entrambi i sostegni verticali della porta sono equidistanti dalle bandierine d'angolo, punto dal quale viene eseguito il corner.[1] Al suo interno, la porta è rivestita da una rete che trattiene il pallone e rende evidente la marcatura di un gol.[1]

La difesa della porta è demandata ad un singolo calciatore, chiamato portiere.[1]

Tecnologia di porta[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Tecnologia di porta.

A partire dal III millennio, per contrastare i casi di gol fantasma (ovvero situazioni in cui non è possibile determinare — con assoluta certezza — l'effettivo superamento della linea di porta da parte della sfera), la FIFA ha fatto ricorso ai cosiddetti giudici di porta (assistenti dell'arbitro cui spetta l'incarico di vigilare l'area di rigore) ed alla tecnologia.[3]

Sempre per agevolare il compito dei direttori di gara, è stata introdotta la VAR.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Descrizione del campo da calcio (in PDF).
  2. ^ La porta è troppo bassa. L'arbitro: "Scavate col badile", su gazzetta.it, 2 novembre 2015.
  3. ^ Matteo Pinci, Costano e aiutano poco, il flop dei giudici di porta, su repubblica.it, 23 dicembre 2014.
  4. ^ Lino Gabellini, Addio «gol fantasma»: arriva la tecnologia, in Corriere della Sera, 6 dicembre 2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Marco Sappino, Dizionario biografico enciclopedico di un secolo del calcio italiano, II volume, Baldini Castoldi Dalai, 2000, p. 2138, ISBN 88-8089-862-0.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio