Tecnologia di porta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nel calcio, la tecnologia di porta (in inglese "goal-line technology") è un sistema tecnologico che serve a verificare la validità dei gol, per ridurre gli episodi di gol fantasma: sono stati progettati nove sistemi differenti, due dei quali mantenuti e sperimentati ulteriormente.[1]

Il 5 luglio 2012 l'IFAB ha approvato il GoalRef e l'Hawk-Eye (quest'ultimo già presente nel tennis e nel cricket)[2]: nell'ottobre seguente, la tecnologia è stata accettata anche dalla FIFA.[3]

La prima competizione ufficiale in cui i due sistemi sono stati usati è il Mondiale per club 2012[4][5]: la tecnologia ufficiale approvata dalla FIFA è la Goalcontrol 4D[5], sperimentata in occasione della Confederations Cup 2013 e presente anche ai Mondiali 2014.

In Serie A, il massimo campionato italiano, viene introdotto dalla stagione 2015-16: il debutto non ufficiale è invece stato durante il Trofeo TIM estivo, ospitato al Mapei Stadium (Reggio nell'Emilia)[6]. Venne inoltre utilizzato negli europei di calcio 2016 in Francia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Richard Conway, Goal-line technology edges closer, BBC Sport, 3 marzo 2012. URL consultato il 23 ottobre 2012.
  2. ^ (EN) IFAB makes three unanimous historic decisions, FIFA, 5 luglio 2012. URL consultato il 23 ottobre 2012.
  3. ^ Tecnologia, è caos: la Fifa dice sì, l'Italia resta con gli arbitri, la Repubblica, 23 ottobre 2012. URL consultato il 23 ottobre 2012.
  4. ^ Goal-line tech to debut at Club World Cup, SuperSport.com, 5 luglio 2012. URL consultato il 24 ottobre 2012.
  5. ^ a b Dario Pelizzari, Gol fantasma, la Fifa ha scelto il sistema Goalcontrol 4D, Il Sole 24 ORE, 3 aprile 2013. URL consultato il 3 aprile 2013.
  6. ^ CanaleSassuolo.it, Occhio di falco al via dal Mapei Stadium, 12 agosto 2015.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]