Ponte di Kazarma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ponte di Kazarma
Arkadiko Mycenaean Bridge II.JPG
CiviltàMicenea
Utilizzoponte miceneo di collegamento tra Tirinto e Epidauro
Stileponte ad arco a mensola
Epocaciviltà micenea
Localizzazione
StatoGrecia Grecia
Unità perifericaArgolide
Amministrazione
Visitabilesi
Sito webodysseus.culture.gr
Mappa di localizzazione

Coordinate: 37°35′37.07″N 22°56′15.2″E / 37.59363°N 22.937556°E37.59363; 22.937556

Il ponte di Kazarma, o ponte di Arkadiko, è un ponte ad arco a mensola di architettura micenea, situato nelle vicinanze della strada che collega Tirinto a Epidauro. Risale all'età del bronzo ed è uno dei più antichi ponti ad arco sopravvissuti e tuttora utilizzati[1].

Il ponte[modifica | modifica wikitesto]

Il ponte apparteneva in epoca micenea a una strada importante tra le due città, che faceva parte di una rete stradale militare più ampia. Ha una profondità di circa 1 m ed è realizzato nel tipico stile miceneo delle pietre ciclopiche. La struttura è lunga 22 metri, larga 5,60 metri alla base e 4 metri di altezza. La larghezza della strada in cima è di circa 2,50 metri. La sofisticata disposizione del ponte e della strada indica che sono stati costruiti appositamente per essere utilizzati dai carri.[2] Costruito nel tardo tardo elladico III (1300-1190 a.C. circa), il ponte è ancora utilizzato dalla popolazione locale.[3]

Altri ponti micenei dell'Argolide[modifica | modifica wikitesto]

Un altro esempio di ponte

Il ponte Arkadiko è uno dei quattro ponti ad arco a mensola micenea noti vicino ad Arkadiko, tutti appartenenti alla stessa "autostrada" del Bronzo tra le due città, e tutti con uno stile ed età simili. Uno di questi è il ponte Petrogephyri, che attraversa lo stesso torrente a 1 km a ovest del ponte Arkadiko. Altrimenti simili per dimensioni e aspetto, la struttura ha una campata più ampia e una volta leggermente più alta. Anch'esso è ancora usato come sentiero locale.[2]

Un quinto ponte ben conservato di Micene si trova nella regione più ampia a Lykotroupi, dove faceva parte di un'altra strada principale micenea. Le sue misure sono vicine al ponte Arkadiko: 5,20 metri di larghezza nella parte inferiore, 2,40 metri nella parte superiore e con una lunghezza dell'arco di poco più di un metro. La strada presenta ancora cordoli per guidare i carri in rapido movimento.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ T.H. Nielsen and J. Roy. Defining ancient Arkadia: symposium April 1–4, 1998. Kgl. Danske Videnskabernes Selska, 1998. p. 253. Defining ancient Arkadia: symposium ... - Google Books
  2. ^ a b c R. Hope Simpson (1998)
  3. ^ Hellenic Ministry of Culture | Mycenaean bridge at Kazarma, su odysseus.culture.gr, 08 aprile 2008. URL consultato il 07 febbraio 2018 (archiviato dall'url originale l'8 aprile 2008).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

  • R. Hope Simpson, D. K. Hagel: "Mycenaean Fortifications, Highways, Dams and Canals", Paul Aströms Förlag, Sävedalen, in: Studies in Mediterranean Archaeology, Vol. CXXXIII ISBN 91-7081-212-8
  • R. Hope Simpson, "The Mycenaean Highways", Classical Views, XLII, n.s. 17 (1998), 239–260

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]