Plectropomus pessuliferus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Cernia indopacifica
Plectropomus pessuliferus.jpg
Plectropomus pessuliferus
Stato di conservazione
Status iucn3.1 NT it.svg
Prossimo alla minaccia (nt)[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Superclasse Gnathostomata
Classe Actinopterygii
Sottoclasse Osteichthyes
Superordine Acanthopterygii
Ordine Perciformes
Sottordine Percoidei
Famiglia Serranidae
Sottofamiglia Epinephelinae
Genere Plectropomus
Specie P. pessuliferus
Nomenclatura binomiale
Plectropomus pessuliferus
(Fowler, 1904)

La cernia indopacifica (Plectromopus pessuliferus (Fowler, 1904)) è un pesce osseo della famiglia Serranidae[2].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

È un serranide di notevoli dimensioni che può raggiungere i 120 cm di lunghezza[3]. Ha una livrea di colorazione molto variabile, dal bianco al rosso, con maculature blu e strie verticali grigiastre.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

È un carnivoro che si nutre di pesci e crostacei. Spesso adotta strategie di caccia cooperativa con la murena gigante (Gymnothorax javanicus) e con il pesce Napoleone (Cheilinus undulatus)[4][5][6].

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

La specie è ampiamente distribuita nelle barriere coralline dell'Indo-Pacifico, dal Mar Rosso alle isole Figi.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Ferreira B.P., Gaspar A.L.B., Samoilys M., Choat J.H. & Myers R. 2008, Plectropomus pessuliferus, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2017.1, IUCN, 2017. URL consultato l'8 gennaio 2015.
  2. ^ (EN) Plectropomus pessuliferus, in WoRMS 2015 (World Register of Marine Species). URL consultato l'8 gennaio 2015.
  3. ^ a b (EN) Plectropomus pessuliferus, su FishBase. URL consultato l'8 gennaio 2015.
  4. ^ Bshary R., Hohner A., Ait-el-Djoudi K., Fricke H., Interspecific communicative and coordinated hunting between groupers and giant moray eels in the Red Sea, in PLoS Biol., vol. 4, nº 12, 2006, pp. e431, DOI:10.1371/journal.pbio.0040431.
  5. ^ Vail A.L., Manica A., Bshary R., Referential gestures in fish collaborative hunting, in Nature Communications, vol. 4, 2013.
  6. ^ Il pesce che quando va a caccia "balla" per chiamare rinforzi, su National Geographic. URL consultato l'8 gennaio 2015.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Helmut Debelius, Mar Rosso, Guida alla Fauna Corallina, Milano, Primaris, 1999, ISBN 9788885029507.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]