Pietro Somazzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Pietro Somazzi (Canobbio, 1640 circa – Canobbio, 1709) è stato uno scultore e stuccatore svizzero-italiano[1].[2]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Imparò il mestiere nella zona di Torino. Nel 1672 realizza l'altare della Chiesa di Santa Maria delle Grazie e Sant'Agostino a Carignano, nel 1681 lavora agli stucchi della chiesa di San Filippo di Chieri e nel biennio 1684-1685 lavora nell'abbazia di Casanova a Carmagnola[3]

Fra il 1683 e il 1703 realizza numerose decorazioni del Palazzo Reale di Torino. Nel 1688 è l'autore degli stucchi in alcune stanze del Palazzo Madama e Casaforte degli Acaja[4]. Altre sue opere si trovano presso la chiesa di San Lorenzo, la chiesa dello Spirito Santo, la Villa della Regina e la Reggia di Venaria Reale[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giuseppe Dardanello, Stuccatori luganesi a Torino. Disegno e pratiche di bottega, gusto e carriere, in Ricerche di Storia dell'arte, 55, 1995, 53-76; Idem (a cura di), Sculture nel Piemonte del Settecento "Di differente e ben intesa bizzarria", Torino 2005, 29-30.
  • Giovanni Romano (a cura di), Palazzo Madama a Torino. Da castello medievale a museo della città, Torino 2006.
  • Paola Manchinu, Sculture e decorazioni tra passato e presente, in Costanza Roggero, Alberto Vanelli (a cura di), Le residenze sabaude, Torino 2009.
  • Edith Gabrielli, Palazzo Carignano. Gli appartamenti barocchi e la pittura del Legnanino, Catalogo della mostra, Torino 18 marzo-26 giugno 2011, Firenze 2011.
  • Beatrice Bolandrini, I Somasso e i Papa. Due dinastie di stuccatori a Torino nel Sei e nel Settecento, in Giorgio Mollisi (a cura di), Svizzeri a Torino nella storia, nell'arte, nella cultura, nell'economia dal Cinquecento ad oggi, «Arte&Storia», anno 11, numero 52, ottobre 2011, Edizioni Ticino Management, Lugano 2011.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]