Pierantonio Volpini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Pierantonio Volpini (Buenos Aires, 19 settembre 1955) è uno scultore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Vive a Bergamo dal 1982. Proviene da studi tecnici e dall'Accademia di Belle Arti di Brera, allievo di Davide Boriani, Fernando De Filippi, Raffaele de Grada. Fondatore della galleria "Progetto Volpini" negli anni '80 con la scultrice giapponese Oki Izumi e della rivista d'arte Progetto Volpini Magazine con il giornalista e critico tealtrale Felice Cappa. Partecipa a diverse mostre tra cui la XLII Biennale di Venezia (padiglione "Arte e Biologia")[1], la Triennale di Milano[senza fonte]. Partecipa alla ricerca nel design, collaborando alla realizzazione insieme a Prospero Rasulo della Poltrona di Proust di Alessandro Mendini; ha collaborato con lo Studio Alchimia alla realizzazione di numerosi progetti fra i quali la "Galleria del Copismo" ideata da Andrea Branzi, o il Decor-use con Alessandro Mendini.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Le sue opere sono a:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Roy Ascot, Don Foresta, Tom Sherman, Tomaso Trini, Giorgio Celli, XLII ESPOSIZIONE INTERNAZIONALE D'ARTE LA BIENNALE DI VENEZIA:ARTE E SCIENZA, BIOLOGIA, TECNOLOGIA E INFORMATICA, Edizioni La Biennale, 1986, p. 16.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]