Piazza dei Ciompi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Piazza dei Ciompi
PiazzaCiompiRinnovata 01.jpg
I nuovi giardini di piazza Ciompi
Localizzazione
StatoItalia Italia
CittàFlorenceCoA.svg Firenze
CircoscrizioneCentro storico
QuartiereQuartiere 1
Codice postale50122
Informazioni generali
Tipoarea pedonale
IntitolazioneTumulto dei Ciompi
Collegamenti
Intersezionivia Pietrapiana, borgo Allegri, via Michelangelo Buonarroti, via Martiri del Popolo
Mappa

Coordinate: 43°46′16.01″N 11°15′53.76″E / 43.771114°N 11.264933°E43.771114; 11.264933

Piazza dei Ciompi è una piazza nel centro storico di Firenze, in una zona a circa 300 metri a nord della basilica di Santa Croce. Si accede alla piazza da via Pietrapiana, borgo Allegri, via Michelangelo Buonarroti e via Martiri del Popolo.

Storia e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Dedicata ai protagonisti del Tumulto dei Ciompi, con i quali non ha niente a che fare (si pensa solo che i frati della vicina Santa Croce dettero loro ospitalità in più di una occasione), questa semplice piazzetta fu invece aperta solo negli anni trenta del Novecento, quando si procedette a demolire alcuni isolati di Santa Croce per un rinnovo ubanistico. Sospesi i lavori durante la guerra, la piazza fu infine rinominata nel 1948, tra i lati superstiti di via Pietrapiana, Borgo Allegri e via Michelangelo Buonarroti.

Il vecchio mercato delle pulci
Piazza dei Ciompi durante l'alluvione del 4 novembre 1966

La piazza prese carattere solo negli anni cinquanta, quando vi fu ricostruita la loggia del Pesce, un'architettura di Giorgio Vasari già in Mercato Vecchio della quale esistevano alcuni frammenti salvati e conservati nel lapidario del Museo di San Marco. Questa loggia era stata edificata nel Cinquecento quando i pesciaioli vennero fatti traslocare da vicino al Ponte Vecchio (nell'odiena piazza del Pesce, appunto), a causa dei non gradevoli effluvi e della sporcizia, soprattutto nel momento in cui il granduca scelse il ponte per far passare il Corridoio vasariano. I lavori di rimontaggio vennero eseguiti da Giulio Cesare Lensi Orlandi Cardini.

Nello stesso periodo venne inoltre creato un mercatino delle pulci fisso, ospitato nelle bancarelle al centro della piazza, costruite come stanzette coperte da una tettoia. Anche molti dei negozi ai lati della piazza sono dedicati all'antiquariato e al bric-à-brac. Questo angolo di Firenze, sebbene decaduto negli anni, conserva ancora un autentico sapore rionale.
Al numero 11 una targa ricorda la casa di Lorenzo Ghiberti.

Nell'agosto 2006 un incendio notturno danneggiò seriamente alcune bancarelle, rendendo urgente un trasloco, che comunque era già in previsione. Il mercatino, composto da 27 operatori in attività giornaliera, venne spostato in largo Annigoni all'inizio del 2016, al fine di agevolare la bonifica dell'amianto posto a copertura dei banchi fin dagli anni sessanta.

L'intervento di riqualificazione complessivo della piazza è terminato nell'agosto 2018 dopo circa un anno di lavori[1]. Lo spazio è scandito da un'area centrale recintata, chiusa durante la notte, attorno al grande pino, circondato da siepi e panchine; fuori dal recinto, in mezzo a 12 alberi di arancio e lampioni di foggia ottocentesca a LED, vengono ospitate fiere temporanee e ambulanti.

Lo storico mercatino delle Pulci resta definitivamente in largo Annigoni.

Secondo l'attuale stradario storico amministrativo del Comune di Firenze[2], le denominazioni di via Michelangelo Buonarroti e di borgo Allegri valgono valgono ancora per i rispettivi tratti che seguono lateralmente la piazza.

Edifici[modifica | modifica wikitesto]

Immagine Nome Descrizione Note[3]
Loggia del pesce, firenze.JPG s.n. Loggia del Pesce La loggia ripropone le forme che già furono proprie di quella per la vendita del pesce, originariamente posta sul lato occidentale del Mercato Vecchio (cioè nell'area poi distrutta dove ora è piazza della Repubblica), eretta da Giorgio Vasari tra l'agosto del 1568 e il settembre del 1569. Nel 1699 questa antica loggia fu accresciuta di un'arcata per ogni lato per volere di Cosimo III e a spese del Magistrato della Grascia, che soprintendeva alla vendita dei generi alimentari a Firenze. Nel 1899, durante i lavori di demolizione della zona, si cercò di recuperare le parti meglio conservate della struttura, in previsione di una sua ricostruzione, parti che, grazie a Guido Carocci, furono depositate presso il Museo di San Marco. La ricostruzione fu attuata solo nel 1955 nell'attuale piazza dei Ciompi, per iniziativa del Comitato per l'estetica cittadina, sotto la direzione dell'ingegnere Giulio Cesare Lensi Orlandi Cardini, grazie a un finanziamento della Cassa di Risparmio di Firenze e nell'ambito di un progetto nel quale si ipotizzava di riposizionare qui anche la colonna dell'Abbondanza.
Piazza dei ciompi 1, casa con tabernacolo 02.JPG 1 Casamento Si tratta di un edificio modesto a quattro piani, posto sull'angolo tra la piazza e via Pietrapiana, con interassi disuguali a indicare con ogni probabilità il suo definirsi a seguito della riunificazione di più case a schiera. Sul lato che guarda alla piazza dei Ciompi è un tabernacolo che conserva una pittura murale raffigurante l'Annunciazione, di un ignoto pittore fiorentino della fine del Cinquecento, in origine collocato in borgo Allegri, in quel tratto fra via Pietrapiana e via dell'Agnolo demolito in occasione del 'risanamento' del quartiere di Santa Croce (1936) e della creazione della piazza. Danneggiato a seguito dell'alluvione del 1966 è stato restaurato nel 2006 da Lidia Cinelli per le cure della Banca Toscana. Ermini-Sestini 2009, pp. 53-56, n. 10.[4]
Casa di lorenzo ghiberti 01.JPG 11 Casa di Lorenzo Ghiberti La palazzina, per quanto denunci in alcuni elementi in pietra serena le antiche origini, si presenta fortemente rimaneggiata e senza particolari pregi architettonici. Tuttavia si segnala tra le 'case della memoria' per essere stata abitazione di Lorenzo Ghiberti, come dichiara una vistosa lapide recentemente rinnovata posta sull'architrave della porta d'ingresso. Mantenutasi nella proprietà della famiglia dell'artista con Vittorio Ghiberti, pervenne successivamente a Pagolo di Niccolò Rovai, che la possedeva nel 1553 e ancora nel 1561.
Piazza dei ciompi 27, casamento moderno 01.jpg 27 Casamento Si tratta di un esteso casamento che determina buona parte dell'isolato compreso tra la piazza dei Ciompi (dove è l'ingresso agli appartamenti), via Pietrapiana e via Martiri del Popolo, costruito a seguito dell'intervento di 'risanamento' del quartiere di Santa Croce che, avviato nel 1936 con l'abbattimento delle vecchie case che qui insistevano, interessò l'area compresa tra via Giuseppe Verdi, via Pietrapiana, borgo Allegri e via dell'Agnolo, determinando, tra l'altro, la piazza dei Ciompi. Per quanto sia noto come, a seguito dello scoppiare del secondo conflitto mondiale, le opere di ricostruzione non avessero nell'immediato seguito, l'edificio presenta significative tangenze con una ipotesi di sistemazione della piazza dovuta ad Aurelio Cetica (si veda il disegno conservato presso l'Archivio storico del Comune di Firenze, datato a circa il 1940), e comunque bene si presta ad essere inserito nell'ambito dell'edilizia corrente di quegli anni[5].
Giardino del Centro didattico nazionale 01.JPG s.n. Centro didattico nazionale Sul lato sud della piazza si affaccia il giardino Caroli, area verde di lato al Centro didattico nazionale, insediato nel quattrocentesco palazzo Gerini. Alla metà dell'Ottocento il palazzo era destinato agli uffici della Delegazione di Santa Croce e, successivamente, fu sede del locale Commissariato di Pubblica Sicurezza e di una caserma di Carabinieri. Nel 1938, a seguito dell'intervento di risanamento al quartiere e della nuova sistemazione di piazza dei Ciompi, l'edificio fu sottoposto ad un restauro integrale promosso dal Comune e diretto dall'architetto Ezio Zalaffi (capo dell'Ufficio delle Belle Arti) con la collaborazione di Edoardo Detti, Giorgio Giuseppe Gori e Leonardo Ricci. Gli arredi interni furono invece disegnati da Giovanni Michelucci. Il tutto per rendere il palazzo funzionale quale sede del Centro Didattico Nazionale, inaugurato nel 1941 e tuttora ospitato nei suoi ambienti con la denominazione di Istituto Nazionale di Documentazione per l'Innovazione e la Ricerca Educativa (INDIRE).

Lapidi[modifica | modifica wikitesto]

Nel cortile del civico 11, in quella che fu la casa di Lorenzo Ghiberti, si trova una targa che ricorda come il 5 giugno 1762 il "Miracolo di Sant'Ambrogio" si fermò in questa casa. Infatti in tale occasione la tradizionale processione che andava per via Ghibellina fu interrotta da un violento nubifragio. Il clero che portava la preziosa reliquia del miracolo fu così ospitato per circa una mezz'ora in questo palazzo e il proprietario volle ricordare così questa insolita quanto prestigiosa visita. Sulla facciata della casa si legge invece:

DI LORENZO GHIBERTI DELLE PORTE
QUESTA FU LA CASA

Piazza dei ciompi 11, casa di lorenzo ghiberti 02.JPG

Nell'atrio si trova anche un'iscrizione del 1762 che ricorda come, nel giugno di quell'anno, avessero qui trovato riparo i partecipanti alla processione del Santissimo Miracolo di Sant'Ambrogio, colti da "un temporale assai strano". Recita:

MEMORIA FATTA DA ME FRANCESCO
BOCCHI PROPRIETARIO DI QUESTA
CASA COME IL DÌ 5 GIUGNIO 1762
PRE UN TEMPORALE ASSAI STRANO
TROVANDOSI LA PROCESSIONE DEL
SS.MO MIRACOLO DI SANTO AMBROGIO
IN VIA GHIBELLINA TORNÒ INDIETRO
E PER ABBREVIARE LA STRADA PASSÒ
DA VIA BORGO ALLEGRI ED EBBE
RICOVERO IN QUESTA MIA CASA
PER MEZZ'ORA E POSÒ IN QUESTO LUOGO

Casa di lorenzo ghiberti, cortile , targa miracolo di sant'ambrogio.JPG

La targa sulla Loggia del Pesce riporta invece:

FORVM • PISCARIVM • Q • VSQVE • ADHVC
TEMPORIBVS • QVADRAGESIMALIBVS • AD
PONTEM • VETEREM • FREQVENTABATVR
NVNC • ILLS • ET • ECCS • MAGNVS • COSMVS
MED • FLOR ET • SENAR • DVX • II • ET •
FRANCISCVS • EIVS • FILIVS • PRINCEPS • OPT •
VT • HIC • CONTINVO • PISCES • VENDANTVR
MVLTO • MAIORI • SVMPTV • AC • MAGNIFICENTIA
QVAM • ANTEA • ILLIC • EXTRVCTVM • FVERAT
ÆDIFICANDVM • CVRARVNT •
M D L X V I I I

Loggia del pesce in p. dei ciompi, iscrizione centrale.JPG

La traduzione è: "Il mercato del pesce che fino ad ora si teneva, nei tempi di quaresima, presso il Ponte Vecchio, ora l'illustrissimo ed eccellentissimo Cosimo de' Medici, secondo Granduca di Firenze e di Siena, e suo figlio Francesco, ottimo principe, lo fecero costruire con assai maggiore spesa e magnificenza di quella con cui era stato edificato prima, affinché il pesce da ora in poi sia venduto qui. 1568".

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Festa con Nardella per l'inaugurazione della 'nuova' piazza dei Ciompi, 7 settembre 2018. URL consultato il 12 settembre 2018.
  2. ^ disponibile online
  3. ^ Gli edifici con voce propria hanno le note bibliografiche nella voce specifica.
  4. ^ Nel dettaglio
  5. ^ [1]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Piero Bargellini, Ennio Guarnieri, Le strade di Firenze, 4 voll., Firenze, Bonechi, 1977-1978.
  • Francesco Cesati, La grande guida delle strade di Firenze, Newton Compton Editori, Roma 2003.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Firenze Portale Firenze: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Firenze