Pez (caramelle)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
PEZ
Lemon PEZ.JPG
un pacchetto di Pez al gusto Limone sprovvisto di distributore
StatoAustria Austria
Forma societariasocietà per azioni
Fondazione1927 a Vienna
Fondata daEduard Haas III
Sede principaleVienna
SettoreAlimentare
ProdottiCaramelle
Sito webwww.pez.com

Il Pez (scritto PEZ con lettere maiuscole) è un marchio austriaco di caramelle con sede a Vienna, la fama di queste caramelle proviene proprio dai loro distributori a forma di caricatore di pistola sormontati da un cappuccio utilizzato sia per decoro che per estrarre le caramelle dalla cartuccia in plastica, infatti normalmente sono a tema dei personaggi di fantasia (come ad esempio i protagonisti Disney).

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

I confetti di Pez ricordano vagamente la forma dei mattoni utilizzati in edilizia; le loro dimensioni sono di 15 mm di lunghezza, 5 di altezza e 8 di larghezza.

Il nome "PEZ" deriva dalla parola tedesca Pfefferminz (IPA: [ˈpfɛfɐˌmɪnʦ]) il cui significato è menta piperita, infatti se si prende la prima, la centrale e l'ultima lettera del vocabolo tedesco sopracitato viene a formarsi il nome del brand.

PEZ
Categoria Confetteria
Marca Pez
Anno di creazione 1927
Ingredienti Zucchero, sciroppo di glucosio, acido citrico , tri - sodio - citrato, grassi vegetali idrogenati, aroma, senza coloranti
Valori nutrizionali medi in 100 g
Valore energetico 35 Kcal/146 KJ
Proteine 0 g
Carboidrati 7,9 g
Grassi 0 g

Agli albori della azienda, il marchio era solo noto in Austria, successivamente con l'avvento della globalizzazione vennero esportate nel resto del mondo, soprattutto verso gli Stati Uniti.

Degna di nota è la grafica del marchio: dove la lettera "P" è formata da 14 caramelle, invece la "E" e la "Z" con 15.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Inizialmente il Pez è stato messo in commercio dall'imprenditore locale Eduard Haas III a Vienna nel 1927 come una normale caramella alla menta piperita in compressa, simili alle Mentine Altoids.

Il primo distributore di queste celebri caramelle fa la sua comparsa sul mercato europeo nel 1949, grazie al successo accumulato, nel 1953 le "caramelle austriache"senza fonte sbarcano negli USA.

Nel 1962 L'azienda austriaca stipula un contratto di licenza con Walt Disney per distribuire i prodotti Pez utilizzando i personaggi Disney (come ad esempio: Topolino[1]).

Nonostante il successo mondiale di Pez, l'azienda si è sempre considerata una semplice azienda dolciaria, nonostante ogni anno vengono consumati più di 3 miliardi di mattoncini nei soli States.senza fonte

Nel corso degli anni, quasi tutti i dispenser Pez sono ricreati e acquistati dai collezionisti o dagli appassionati del marchio in tutto il mondo.[2][3]

I cappucci Pez (posizionati sorra il dispenser) raffigurano perlopiù personaggi dei cartoni animati, film d'animazione e videogiochi, in maniera più ristretta quelli dei film. (esistono anche delle eccezioni come ad esempio gli emoji)[4]

Quando dalle sale cinematografiche viene proiettato un nuovo film, l'azienda crea un dispenser dedicato ai protagonisti ed antagonisti di esso.

Varianti[modifica | modifica wikitesto]

I Pez sono presenti in diverse varianti caratterizzate dal diverso colore.

Generali
  • Menta piperita
  • Frutta assortita
  • Ciliegia
  • Cioccolato
  • Coca Cola
  • Uva
  • Limone
  • Mango
  • Arancia
Due pacchetti di Pez "Neon Edition"
  • Lampone
  • Fragola
  • Lampone-Limone
  • Fragola-Vaniglia
Alcuni "mattoncini" di Pez gusto menta piperita.
Sugarfree (senza zuccheri)
  • Limone
  • Arancia
  • Fragola
Non più in vendita
  • Mela
  • Clorofilla Mint
  • Caffè
  • Mentolo Lime
  • Eucalipto
  • Yogurt

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) caricatore con raffigurante Topolino (JPG), Ebay.
  2. ^ (EN) Memorabilità Pez Burlingame, su burlingamepezmuseum.com.
  3. ^ (IT) lorenzo cairoli*, caramelle da museo, in La Stampa, 14 luglio 2012 (archiviato dall'originale).
  4. ^ Pez Emoji (JPG), su onlykoshercandy.com. URL consultato il 12 gennaio 2017 (archiviato dall'url originale il 13 gennaio 2017).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]