Collezionismo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il collezionismo è un hobby che consiste nella raccolta di oggetti di una particolare categoria. Queste collezioni sono spesso molto ben organizzate, catalogate ed attrattivamente esposte.

Alcuni collezionisti scelgono di focalizzarsi su di un particolare aspetto di un'area più ampia, come ad esempio i francobolli del XIX secolo o le monete in oro. Altri preferiscono collezioni più generali, come francobolli o monete di tutti i paesi del mondo.

In molti dei settori più comuni del collezionismo vi sono anche commercianti specializzati che trattano gli oggetti da collezione, ma anche raccoglitori, cataloghi ed altri strumenti utilizzati dai collezionisti. Molti di questi commercianti hanno iniziato come collezionisti, trasformando poi il loro hobby in una professione.

Collezionismo minore[modifica | modifica sorgente]

Da circa un ventennio la passione nel raccogliere "oggetti" si è evoluta e ampliata, raggiungendo ampie quote di popolazione. I motivi sono essenzialmente due: ampia possibilità di scelta e bassi costi per iniziare. L'avvento del merchandising e del gadget, spesso regalato alle fiere o fornito assieme al prodotto dalle grandi industrie e fra tutte da quella alimentare, permette la raccolta di oggetti "firmati", oggetti col nome della ditta o il marchio del prodotto. Si raccolgono inoltre facilmente oggetti di uso comune che, terminato l'uso vengono abbandonati. Questo tipo di raccolte è molto in voga e viene spesso classificato come collezionismo "minore".

La definizione di "collezionismo minore" comporta alcuni rischi impliciti nella definizione. Se l'unità di misura è il valore venale degli oggetti, non potremmo definire "minore" la collezione di "gadget" o pupazzetti vari, in quanto alcuni di essi hanno raggiunto quotazioni stratosferiche. Dal punto di vista degli elementi intrinseci qualsiasi oggetto presenta caratteristiche "importanti", quali aspetti artistici o storico antropologici. La provocazione è importante nell'ottica di democraticità e libertà di classificazione di qualsiasi attività umana. Il voler classificare alcune "passioni" come minori comporta il rischio di stabilire i criteri di determinazione. Quindi la voce "collezionismo" dovrebbe essere la sola esistente a definire la passione per un determinato tema scelto dal collezionista.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Enrico Castruccio, I Collezionisti – usi, costumi, emozioni, Cremona, Persico Edizioni, 2008. ISBN 88-87207-59-3.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]