Patata dell'Alto Viterbese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Patata dell'alto viterbese
Patata viterbese.jpg
Origini
Luogo d'origineItalia Italia
RegioneLazio
Zona di produzioneGrotte di Castro, San Lorenzo Nuovo, Gradoli, Latera, Bolsena, Onano, Valentano ed Acquapendente (VT)
Dettagli
Categoriaortofrutticolo
RiconoscimentoP.A.T.
SettoreProdotti vegetali allo stato naturale o trasformati
 

La patata dell'Alto Viterbese (o dell'Alto Lazio) è una varietà di patata che viene coltivata nel territorio settentrionale del lago di Bolsena.

La sua coltivazione è stata sviluppata principalmente a partire dalla fine degli anni settanta.

Essa cresce e si sviluppa sui terreni di origine vulcanica delle zone del Viterbese[1]. Presenta un pH debolmente acido (tra 6 e 6,8) e contiene un alto contenuto di calcio, potassio e anidride fosforica.

Tale varietà di patata si distingue per forma ovale o allungata; la buccia è liscia, di colore bianco-giallo, e la sua polpa è compatta, dello stesso colore della buccia (talora anche rosa).

Utilizzi tipici[modifica | modifica wikitesto]

È d'uopo utilizzare tale tipo di patata principalmente fresca, come contorno di carni o pesce oppure, lessa, quale ingrediente della pizza alle patate o, ancora, per realizzare il famoso gnocco di patata.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Ricca di potassio e vitamina C, la patata dell'Alto Viterbese ha recentemente ottenuto il marchio collettivo Tuscia Viterbese[2]. Recentemente ha ottenuto la certificazione IGP europea.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Consorzio Tuscia Viterbese, Disciplinare di produzione, condizionamento e commercializzazione della patata dell'Alto Lazio (PDF), dicembre 2003 (archiviato dall'url originale il 6 gennaio 2007).
  2. ^ Consorzio Tuscia Viterbese, Patata dell'Alto Lazio (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2007).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]