Passo dello Zovallo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Passo dello Zovallo
Passo Zovallo cartello.jpg
StatoItalia Italia
RegioneEmilia-Romagna Emilia-Romagna
ProvinciaParma Parma
Piacenza Piacenza
Località collegateBedonia
Ferriere
Santo Stefano d'Aveto
Altitudine1 405 m s.l.m.
Coordinate44°34′24.92″N 9°31′14.16″E / 44.57359°N 9.5206°E44.57359; 9.5206Coordinate: 44°34′24.92″N 9°31′14.16″E / 44.57359°N 9.5206°E44.57359; 9.5206
Infrastrutturaex Strada Statale 654 Italia.svg della Val di Nure
Pendenza massima8[1]%
Lunghezza16,5 km
Chiusura invernaleno
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Passo dello Zovallo
Passo dello Zovallo

Il passo dello Zovallo (1405 m s.l.m.) è un valico dell'appennino ligure situato al confine tra le province di Parma e Piacenza, tra i comuni di Ferriere e Bedonia, che mette in comunicazione la Val Nure con la Val Ceno.

Situato tra il Monte Nero (1754 m) e il Monte Ragola (1710 m), è tra i valichi più alti dell'appennino ligure[2].

Infrastrutture[modifica | modifica wikitesto]

La strada provinciale 654R di Val Nure (già Strada statale 654 della Val di Nure), proveniente da Piacenza, risale il valico da Ferriere superando le frazioni di Folli, Casalcò e Gambaro; aggira, poi, una valle laterale, in corrispondenza della località Case Bernardi, per, poi, ritornare nella valle principale raggiungendo Selva, ultimo centro abitato prima del passo[3].

Superato il valico, la strada costeggia in falsopiano le pendici orientali del monte Maggiorasca, raggiungendo il passo del Tomarlo (1485 m), che immette nella Val d'Aveto in territorio ligure. Circa a metà di questo tratto in falsopiano, in Val Ceno, la strada raggiunge la quota più alta raggiunta da una strada provinciale nell'Appennino Ligure (1519 m s.l.m.)[3].

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Ciclismo[modifica | modifica wikitesto]

La salita al passo si caratterizza per la considerevole lunghezza, tuttavia non presenta tratti particolarmente impegnativi: a parte qualche isolata punta tra il 7,5 e l'8 %, la pendenza si assesta per tutta la lunghezza della salita tra il 4 e il 5,5 %[1].

Il passo dello Zovallo è stato inserito due volte nel percorso del Giro d'Italia, nel 1989 e nel 1994. In entrambi i casi la salita non è stata classificata come Gran Premio della Montagna che era, invece, posto sul limitrofo passo del Tomarlo.

Escursionismo[modifica | modifica wikitesto]

Il passo è un punto di partenza per escursioni nell'area del monte Bue, tra cui quella che raggiunge il lago Nero, piccolo bacino di origine glaciale, in circa un'ora tramite un sentiero[4].

La zona del passo è molto frequentata anche dai raccoglitori di funghi, con la presenza di molte aree adatte alla crescita dei porcini[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Alberto Ferraris, Passi e valli in bicicletta. Emilia Romagna - Province di Piacenza, Parma e Reggio Emilia, Ediciclo editore, pp. 56-57.
  2. ^ In moto lungo la Val Nure, lungo i passi più alti dell’Appennino, su trueriders.it, 21 dicembre 2015.
  3. ^ a b Passo dello Zovallo 1405 m (Parma-Piacenza), su massimoperlabici.eu.
  4. ^ Escursione al lago Nero dal passo dello Zovallo (PDF), su piacenzasera.it. URL consultato il 18 luglio 2013 (archiviato dall'url originale il 1º novembre 2012).
  5. ^ Funghi in Appennino: tornano le guide della «Gazzetta», su gazzettadiparma.it, 9 settembre 2015.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Libertà, quotidiano locale consultabile presso la Biblioteca Comunale Passerini-Landi di Piacenza.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]