Paramount Comedy (Italia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Paramount Comedy
Logo dell'emittente
Stato Italia Italia
Lingua italiano
Tipo tematico
Target giovani, adulti
Slogan Paramount diventa Comedy. Ed è tutta un'altra storia
Versioni Paramount Comedy
(data di lancio: 1º dicembre 2004)
Data chiusura 30 aprile 2007
Sostituito da Comedy Central
Editore MTV Italia S.r.l.

Paramount Comedy è stata un'emittente televisiva italiana.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Paramount Comedy nasce il 1º dicembre 2004 su iniziativa di MTV Italia S.r.l., di proprietà di Viacom, in collaborazione con la Paramount Pictures.[1][2] La rete ha trasmesso una programmazione dedicata all'intrattenimento comico basato su telefilm, cartoni animati, programmi originali e cabaret.[1] Era sintonizato sul canale 115 del bouquet digitale di Sky Italia.[3][4]

Mentre le attività di comunicazioni di Paramount Comedy si concentrarono sul lancio del canale stesso, verso fine 2006, con un investimento annuale di 2 milioni di euro, queste si concentrarono sul suo contenuto.[3] Il canale era associato all'agenzia creativa This is a Thing e al centro di pianificazione media Maxus BBS.[3] Il lancio pubblicitario del canale avvenne tra dicembre 2006 e gennaio 2007, con la promozione dei propri contenuti in modo similmente al suo modello di riferimento Comedy Central.[3] Nello stesso periodo, Paramount Comedy raggiunse due accordi con Warner Bros. e CBS Paramount. Con il nuovo palinsesto, l'investimento nelle produzione originali (riguardanti per la maggior parte cabaret) era del 30% del budget del canale.[3]

Originariamente trasmetteva solo dalle 20:00 fino alle 6:00, dividendo la propria programmazione con Nickelodeon, che trasmetteva dalle 6:00 alle 20:00. Dal 12 giugno 2006, Paramount Comedy trasmetteva 24 ore su 24.[3] Il 30 aprile 2007, il canale diventa Comedy Central, riprendendo di fatto il nome dell'omonima rete statunitense.[2][5] La voce ufficiale dei promo del canale era quella del doppiatore Paolo De Santis, attuale speaker di Comedy Central.[6]

Programmi trasmessi[modifica | modifica wikitesto]

Alcune delle serie televisive e dei programmi del canale:

Serie animate[modifica | modifica wikitesto]

Loghi[modifica | modifica wikitesto]

Paramount Comedy 2009.svg
Paramount Comedy old.svg
1º dicembre 2004 - 30 aprile 2007 Logo alternativo usato fino al 30 aprile 2007

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Mara D, Paramount Comedy: un canale per la commedia, su Telefilm Central, 1º dicembre 2004. URL consultato il 5 maggio 2020.
  2. ^ a b Editoriale Duesse S.p.A, Mtv Italia: Paramount Comedy diventa Comedy Central, su E2S. URL consultato il 5 maggio 2020.
  3. ^ a b c d e f Paramount Comedy: 24 ore all'insegna del divertimento. Raccolta in crescita - ADC Group, su adcgroup.it. URL consultato il 5 maggio 2020.
  4. ^ Canaly SKY, su digilander.libero.it. URL consultato il 5 maggio 2020.
  5. ^ I programmi di maggio e giugno di Comedy Central (ex Paramount Comedy) e Nickelodeon., su telesimo.it. URL consultato il 5 maggio 2020.
  6. ^ IL MONDO DEI DOPPIATORI - La pagina di PAOLO DE SANTIS, su antoniogenna.net. URL consultato il 5 maggio 2020.
Controllo di autoritàVIAF (EN169091053 · WorldCat Identities (ENviaf-169091053