Orizia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Oritia)
Orizia
Boreas orithya.jpg
Borea rapisce Orizia
Nome orig. Ὠρείθυια
Sesso Femmina
Luogo di nascita Atene

Orizia (in greco antico Ὠρείθυια) conosciuta anche come o Oritia, è un personaggio della mitologia greca, figlia del re Eretteo re di Atene e di Prassitea[1] ed aveva diverse sorelle, tra cui Creusa, Ctonia e Procri.

Mitologia[modifica | modifica wikitesto]

Si narra che Orizia fu rapita da Borea, il vento del Nord, mentre stava danzando nei pressi del fiume Ilisso[2] o mentre raccoglieva fiori sulle rive del fiume Cefiso e ne divenne la moglie. Fu portata in Tracia e questo la salvò dalla morte che spettò invece alle sue sorelle che furono sacrificate affinché Atene potesse vincere la guerra contro Eleusi. Ebbe diversi figli tra cui Chione, Emo e Cleopatra (da non confondere con le Cleopatra egiziane) ed i fratelli Calaide e Zete, rappresentati con piedi alati (noti sotto il nome di Boreadi o Boreidi).
Orizia divenne poi la personificazione della brezza leggera che segue il violento vento settentrionale e che mitiga gli ardori del sole.

Pare che Eschilo avesse scritto un dramma satirico sul rapimento di Orizia, che è però andato perduto.

Platone ne riprende il mito nel Fedro, suggerendo che la storia di Orizia potrebbe essere stata ispirata alla morte di una fanciulla, precipitata dalle rocce a causa di una folata di vento boreale. Il nome stesso di Orizia -dal greco oros (montagna) e giein (sacrificare)- sembrerebbe alludere alla circostanza [3]

Fortuna dell'episodio[modifica | modifica wikitesto]

Il mito venne successivamente ripreso anche da Fabrizio De André nella celeberrima La canzone di Marinella.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pseudo-Apollodoro, Biblioteca, 3. 15. 1
  2. ^ Apollodoro, Biblioteca III.
  3. ^ Derrida Jacques, La farmacia di Platone, Jaca Book, 1985, p. 57, ISBN 978-88-16-40808-1.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE124554407
Mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca