Ophrys lunulata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Ofride lunulata
Ophrys lunulata.jpg
Ophrys lunulata
Stato di conservazione
Status iucn3.1 EN it.svg
In pericolo
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Liliopsida
Ordine Orchidales
Famiglia Orchidaceae
Sottofamiglia Orchidoideae
Tribù Orchideae
Sottotribù Orchidinae
Genere Ophrys
Specie O. lunulata
Classificazione APG
Ordine Asparagales
Famiglia Orchidaceae
Nomenclatura binomiale
Ophrys lunulata
Parl., 1838
Sinonimi
  • Arachnites lunulata
    (Parl.) Tod. 1842
  • Ophrys sphegodes ssp. lunulata
    (Parl.) Sundermann
Nomi comuni

Fiordivespa a mezzaluna
Orchidea a mezzaluna

L'ofride lunulata (Ophrys lunulata Parl., 1838) è una specie di pianta erbacea appartenente alla famiglia delle Orchidaceae, endemica della Sicilia.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Ophrys lunulata zingaro 120.jpg

È una pianta erbacea geofita bulbosa con fusto alto 30–40 cm.
Le foglie sono oblungo-lanceolate e inguainano parzialmente il fusto.
L'infiorescenza è lassa e raggruppa da 4 a 14 fioricon sepali laterali, lanceolati, di colore variabile dal rosa violetto al bianco rosato, con nervatura centrale verde e petali, più brevi e stretti, solitamente di un colore roseo. Il labello è allungato, trilobato e ricoperto di una peluria vellutata, tranne che nel margine del lobo centrale che è verde e glabro. La macula al centro del labello è lucida a forma di mezzaluna (da cui deriva l'epiteto specifico lunulata), da grigio-bluastra a rossastra; l'apicolo è grande, triangolare, di colore giallo-verdastro. Il ginostemio è perpendicolare al labello, con apice largo e acuto; la cavità stigmatica è relativamente stretta, con due pseudocchi prominenti, neri e lucenti.

Fiorisce in marzo-aprile.

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

Si riproduce per impollinazione entomofila, ad opera dell'imenottero Osmia kohlii (Megachilidae)[1].

La disseminazione è anemocora, cioè favorita dal vento, che trasporta a lunghe distanze i semi, di dimensioni microscopiche.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

È una specie endemica della Sicilia.
Descritta nel 1838 da Filippo Parlatore nella città metropolitana di Palermo, l'ofride lunulata è diffusa in tutte le province dell'isola, nonché nelle isole Eolie.

Cresce in ambienti di macchia rada, gariga e prateria mediterranea, fino ad una altitudine di 1300 m; predilige suoli calcarei asciutti e luminosi.

Conservazione[modifica | modifica wikitesto]

Classificata come "Vulnerabile" sulla Lista Rossa redatta da Conti et al. (1997), secondo i criteri classificativi dell'IUCN ricade nella categoria "Endangered" (in pericolo).
Figura nell'Appendice I della Convenzione di Washington, come specie di interesse prioritario nell'Appendice II della Direttiva 43/92/CEE "Flora, Fauna e Habitat". Inoltre, nel 1995 la CITES ha incluso tutte le Orchidaceae europee nella sua Appendice I.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Ibridi[modifica | modifica wikitesto]

Sono stati descritti i seguenti ibridi [2]:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ GIROS 2009, p.194
  2. ^ Ophrys lunulata Parl IPNI database

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica