Ooops! Ho perso l'arca...

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Ooops! Ho perso l'arca)
Ooops! Ho perso l'arca...
Nasocchioni.jpg
Finny e suo padre Dave, due esemplari di Nasocchione
Titolo originaleOoops! Noah is Gone...
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneGermania, Lussemburgo, Belgio, Irlanda
Anno2015
Durata87 minuti
Rapporto2,35:1
Genereanimazione, avventura, commedia
RegiaToby Genkel, Sean McCormack
Soggettoliberamente ispirato al racconto biblico dell'arca di Noè
SceneggiaturaRichie Conroy, Toby Genkel, Mark Hodkinson, Marteinn Thorisson
Casa di produzioneUlysses Filmproduktion, Fabrique d'Images, Skyline Entertainment, Moetion Films, Studio Rakete
Distribuzione (Italia)Eagle Pictures
MusicheStephen McKeon
Character designBill Schwab
AnimatoriMalcon Pierce
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

Ooops! Ho perso l'arca... (Ooops! Noah is Gone...) è un film d'animazione del 2015 diretto da Toby Genkel e Sean McCormack, ispirato al racconto biblico dell'arca di Noè. È un film animato al computer, prodotto dalla Ulysses Filmproduktion e distribuito dalla Eagle Pictures[1].

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il diluvio universale incombe e l'arca di Noè è pronta per accogliere gli animali. Purtroppo Dave e suo figlio Finny, due esemplari di "Nasocchione", non sono sulla lista. Con un efficace travestimento riescono a salire furtivamente a bordo, con l'aiuto involontario delle "Musoni" Hazel e sua figlia Leah. Poco prima della partenza, i cuccioli scendono dall'arca senza accorgersene e si ritrovano a lottare per sopravvivere al diluvio e ai predatori affamati: tentano allora di raggiungere la cima di una montagna in compagnia dei nuovi amici Obesino e Scrocchino. Nel frattempo, Dave ed Hazel devono mettere da parte le loro differenze e rivalità, per cercare di invertire la rotta dell'Arca e salvare i loro figli.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • 2015 - 23° Deutsche Kinder-Medien-Festival "Goldener Spatz"
    • Miglior film di animazione

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scheda del film, su imdb.com. URL consultato il 25 agosto 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]