Occhi di cristallo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Occhi di cristallo
Occhi di cristallo.jpg
Luigi Lo Cascio in una scena del film
Paese di produzioneItalia, Spagna, Gran Bretagna
Anno2004
Durata106 min
Generethriller
RegiaEros Puglielli
SoggettoGabriella Blasi, Luca Di Fulvio, Franco Ferrini, Eros Puglielli
SceneggiaturaGabriella Blasi, Luca Di Fulvio, Franco Ferrini, Eros Puglielli
Casa di produzioneCattleya, Rai Cinema
Distribuzione in italiano01 Distribution
FotografiaLuca Coassin
MontaggioMauro Bonanni
MusicheFrancesco Gener
ScenografiaAntonello Rubino
Interpreti e personaggi

Occhi di cristallo è un film del 2004, diretto dal regista Eros Puglielli. Il film si basa sul romanzo noir L'impagliatore, scritto da Luca Di Fulvio.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il doloroso e mai dimenticato passato dell'ispettore Giacomo Amaldi si rimaterializza davanti ai suoi occhi nelle vesti di un metodico ed efferato serial killer, soprannominato l'Impagliatore; ogni volta diverse mutilazioni subite dalle vittime lasciano intendere come l'assassino seriale stia seguendo un disegno ben preciso e di difficile risoluzione per la polizia. Aiutato da Giuditta, una studentessa universitaria presa di mira anche lei da un maniaco, Amaldi viene chiamato a far luce sugli omicidi, ben sapendo che più il tempo passa più l'assassino si avvicina al compimento della sua missione di morte.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

  • Incompreso e sottovalutato dai critici (...) Ha un'atmosfera malata e intrigante. Specialmente nella 1ª parte la suspense tiene. (...) Il suo lato debole è la sceneggiatura con poca fiducia nell'azione e nel comportamento. Commento del dizionario Morandini che assegna al film tre stelle su cinque di giudizio.[1]
  • Puglielli è rigoroso nel rispettare i canoni del genere e la sua dedizione dà buoni frutti. Nella sobrietà generale, il regista si concede comunque più di una trovata stilistica originale. Commento del dizionario Farinotti che assegna al film tre stelle su cinque di giudizio [2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Commento de Il Morandini su Mymovies.it
  2. ^ Pino Farinotti, Il Farinotti 2009, Newton Compton Editori 2008 - pag 1354

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema