Luca Di Fulvio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Luca Di Fulvio (Roma, 13 maggio 1957) è uno scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Prima di fondare una sua compagnia teatrale ("La Festa Mobile") ha potuto lavorare con Paola Borboni, Sergio Graziani, Mario Maranzana, Andrzej Wajda e con Julian Beck del Living Theatre. Ha scritto una riduzione teatrale del Tonio Kröger di Thomas Mann, poi ha collaborato con diverse case editrici come consulente editoriale.

Il suo primo romanzo, Zelter, è uscito nel 1996 per Zelig: è una storia di vampiri. Con L'impagliatore (Mursia, 2000) ha avuto due edizioni in due mesi. Il libro – ripubblicato da Einaudi nel 2004 – è diventato un film dal titolo Occhi di cristallo per la regia di Eros Puglielli.

Ha poi scritto Dover beach (2002, Mursia), La scala di Dioniso (2006, Mondadori), del quale ha scritto anche la sceneggiatura cinematografica, La gang dei sogni (2008, Mondadori). Tutti i suoi libri sono tradotti all'estero.

Con lo pseudonimo di Duke J. Blanco ha scritto I misteri dell'Altro Mare (2002, Mursia), romanzo per ragazzi vincitore del premio Selezione Bancarellino.

In Germania La gang dei sogni, con il titolo Der Junge, der Träume schenkte, tradotto da Petra Knoch, ha venduto più di un milione di copie restando in testa alla classifica dei bestseller per mesi (classifica Der Spiegel). Da quel momento Luca Di Fulvio ha cominciato a pubblicare i suoi successivi romanzi prima in Germania, con la casa editrice Bastei Lübbe, divenendo di fatto un "autore tedesco". Anche i due romanzi successivi (Das Mädchen, das den Himmel berührte e Das Kind, das nachts die Sonne fand) sono stati per mesi in vetta alle classifiche tedesche dei bestseller.

Anche in Francia ha un grande successo. E' considerato un vero e proprio fenomeno letterario.

In Italia questi due ultimi romanzi (La ragazza che toccava il cielo e Il bambino che trovò il sole di notte) sono pubblicati da Rizzoli.

E' sposato con Elisa Ruggeri.

Controllo di autoritàVIAF (EN46986824 · ISNI (EN0000 0001 0968 8268 · SBN IT\ICCU\CFIV\090289 · LCCN (ENn2002037001 · GND (DE133717704 · BNF (FRcb144725163 (data)
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie