Nothosaurus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Nothosaurus
Stato di conservazione: Fossile
Nothosaurus BW.jpg
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Sauropsida
Superordine Sauropterygia
Ordine Nothosauria
Famiglia Nothosauridae
Genere Nothosaurus

Il notosauro (gen. Nothosaurus) era un rettile semiacquatico vissuto nel Triassico medio (circa 230 milioni di anni fa), appartenente ai notosauri. I suoi resti sono stati rinvenuti in varie parti del mondo, in particolare in Germania, ma anche in Cina, in Asia sudoccidentale e in Italia. Si estinse verso la fine del triassico.

Un rettile - foca[modifica | modifica sorgente]

Il corpo di questo animale aveva un aspetto allungato, con collo e coda affusolati e un cranio lungo e piatto. Le zampe, corte, erano posti ai lati del corpo e terminavano con cinque dita, molto probabilmente erano palmate; potevano essere utilizzate anche per muoversi, in modo impacciato, sulla terraferma, possedeva, inoltre, un cranio allungato Queste caratteristiche erano a tutti gli effetti notevoli adattamenti per una vita acquatica: il notosauro, probabilmente, viveva in acque costiere, predando pesci e altre creature marine per mezzo dei lunghi denti.[1] Per quanto riguarda la nicchia ecologica occupata da questo animale, non doveva essere molto diversa da quella di foche e otarie. Il notosauro era un animale relativamente grande, e le varie specie misuravano dagli uno ai quattro metri di lunghezza. Tra le varie specie, una delle più note è Nothosaurus giganteus, della Germania. In Italia, negli scisti ittiolitici di Besano (provincia di Varese) è stato ritrovato un grande esemplare, precedentemente noto come Paranothosaurus amsleri.

Fonti[modifica | modifica sorgente]

  • Dixon, Dougal (2006). The Complete Book of Dinosaurs. Hermes House.
  • Haines, Tim, and Paul Chambers. The Complete Guide to Prehistoric Life. Pg. 64. Canada: Firefly Books Ltd., 2006
  1. ^ I dinosauri scoperte•specie•estinzione