Nicola Neonato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gli interni della chiesa parrocchiale di Sant'Ambrogio (Zoagli), affrescati da Nicola Neonato

Nicola Neonato (Borzonasca, 22 marzo 1912Genova, 26 febbraio 2006) è stato un pittore e scultore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato da una famiglia di umili condizioni, a 12 anni abbandona gli studi e dopo una breve esperienza come minatore si trasferisce nel porto di Genova dove lavorerà come mozzo, calderaio, carrettiere, marinaio, facchino. Notato per la sua innata abilità nel disegno viene spinto a iscriversi all'Accademia Ligustica di Belle Arti, istituzione che frequenta tra i 17 e i 18 anni. Chiamato alle armi nella prima guerra mondiale si trasferisce a Venezia dove riesce a continuare gli studi presso la Scuola del Carmine.

Nel 1932 vince i Littoriali del Golfo. Quattro anni dopo inizia a frequentare a Firenze Felice Carena. Torna quindi a Genova dove vince numerosi premi di pittura caratterizzandosi per uno stile figurativo sofferto, attento a ritrarre poveri, lavoratori, pescatori, operai.

Nel 1943, quando lavora ormai in maniera continuativa, si trova per caso a Roma. Lo scoppio dell'Armistizio lo porta ad abbandonare la vita bohemienne e a divenire partigiano, dove diverrà noto con il soprannome di "Pollaiolo", partecipando ad attentati e ad azioni di fuoco.

Terminata la seconda guerra mondiale torna a Genova, e quindi a Rapallo, dove affianca l'attività artistica all'insegnamento. Da questo momento inizia una serie continua di commesse, che lo porteranno a realizzare affreschi e quindi sculture e monumenti in tutta la Liguria: Rapallo, Portofino, Genova, Zoagli, Savona e in Piemonte a Novi Ligure e Cassano Spinola. Nel 1963 affresca la cappella votiva nel Campo di concentramento di Dachau.

Fra le sculture più importanti vari monumenti ai caduti a Cantalupo Ligure (1966), ai martiri della Strage della Benedicta (1967), ad Aldo Gastaldi "Bisagno" (1968), alla Resistenza di Novi Ligure (1969), ai caduti nei lager nazisti nel cimitero di Staglieno a Genova (1970), gli altorilievi bronzei nel Municipio di Sestri Levante (1966),il monumento a Claudio Varalli e Giannino Zibecchi a Milano in piazza Santo Stefano (1976), il monumento ai partigiani di Rapallo (1977).

Trasferitosi a Milano continua sino a tarda età la sua attività artistica, segnalandosi anche per iniziative civili e di protesta. Tornato a Genova si stabilisce definitivamente nel centro storico dove apre una sorta di casa-museo e dove rimarrà sino alla morte, sopraggiunta a 93 anni.

Nel 2008 il Comune di Rapallo ha voluto organizzare presso il castello sul mare una grande mostra antologica[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Nicola Neonato. Pittura, scultura, disegno, Edizioni De Ferrari, 2008.
  • Sergio Canciani, Il pittore rivoluzionario, Edizioni de Il minotauro, 1968.