Nicola Boem

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nicola Boem
Nicola Boem.jpg
Boem al Tour of Britain 2016
Nazionalità Italia Italia
Altezza 187 cm
Peso 75 kg
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Specialità Strada
Ritirato 2017
Carriera
Giovanili
2002-2007 Team C.S. Spercenigo
Squadre di club
2008 U.C. Basso Piave
2009 Marchiol
2010 ORT-Reale Mutua
2011-2012 Zalf-Fior
2012 Colnago (stagista)
2013-2017 Bardiani
Statistiche aggiornate al gennaio 2018

Nicola Boem (San Donà di Piave, 27 settembre 1989) è un ex ciclista su strada italiano, professionista dal 2013 al 2017 con il team Bardiani-CSF.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

È stato professionista dal 2013 al 2017. Ha ottenuto nel 2014 la sua prima vittoria, nella sesta tappa del Giro di Danimarca. Nel 2015 ha invece trionfato al termine di una lunga fuga nella decima tappa del Giro d'Italia con arrivo a Forlì; in seguito a quel successo ha anche vestito la maglia rossa di leader della classifica a punti.

Al termine della stagione 2017 rescinde il contratto che lo legava alla Bardiani, ponendo così fine alla sua carriera.[1]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Trofeo Buffoni
  • 2010 (ORT-Reale Mutua, una vittoria)
6ª tappa Giro della Valle d'Aosta
  • 2011 (Zalf-Désirée-Fior, una vittoria)
Giro del Belvedere
  • 2012 (Zalf-Désirée-Fior, una vittoria)
Trofeo Matteotti Under-23
  • 2014 (Bardiani, una vittoria)
6ª tappa Giro di Danimarca (Kalundborg > Frederiksberg)
  • 2015 (Bardiani, una vittoria)
10ª tappa Giro d'Italia (Civitanova Marche > Forlì)

Piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Grandi Giri[modifica | modifica wikitesto]

2013: 137º
2014: 128º
2015: 159º
2016: 139º
2017: 152º

Classiche monumento[modifica | modifica wikitesto]

2016: ritirato
2017: ritirato

Competizioni mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Copenaghen 2011 - In linea Under-23: 100º

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nicola Boem e il triste addio al ciclismo: "Cerco un lavoro, va bene anche in fabbrica", su it.eurosport.com, 4 gennaio 2018. URL consultato il 3 marzo 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]