Nicolò Antonio Giustinian

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nicolò Antonio Giustinian, O.S.B.
vescovo della Chiesa cattolica
Statua di Niccolò Antonio Giustiniani, vescovo di Padova (chiostro).jpg
Statua di Nicolò Antonio Giustinian nel chiostro dell'ospedale Giustiniano di Padova
BishopCoA PioM.svg
 
Incarichi ricoperti
 
Nato21 giugno 1712
Ordinato presbitero1º luglio 1736
Consacrato vescovo30 novembre 1753
Deceduto24 novembre 1796
 

Nicolò Antonio Giustinian (o Giustiniani) (Venezia, 21 giugno 1712Padova, 24 novembre 1796) è stato un vescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1753 fu nominato vescovo di Torcello; nel 1759 vescovo di Verona. Il 12 ottobre 1769 fece una ricognizione delle ossa dei santi Benigno e Caro conservate nella chiesa di S. Zeno in monte. Nel 1762 consacrò la chiesa parrocchiale dell'Immacolata e di S. Andrea Apostolo (del Pirlar) a Sommacampagna; nello stesso anno entrò nella Compagnia del Santissimo. L'8 settembre 1770 ottenne dal Capitolo Vaticano d'incoronare l'immagine della Madonna del Popolo, conservata nella cattedrale di Verona, con le corone d'oro, chiamate comunemente imperiali.

Il 14 dicembre 1772 venne nominato vescovo di Padova; fece il suo ingresso ufficiale in diocesi l'8 febbraio 1773. Con decreto del 9 marzo 1795 elevò al rango arcipretale la chiesa parrocchiale di Santa Gertrude a Rotzo sull'altopiano dei Sette Comuni.

Fu il promotore della costruzione del nuovo ospedale di Padova che successivamente gli venne dedicato.[1]

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Storia dell'Azienda, Azienda Ospedaliera di Padova. URL consultato il 19 febbraio 2012 (archiviato dall'url originale il 15 febbraio 2012).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]