Neria De Giovanni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Neria De Giovanni (Sestri Levante, 27 novembre 1952) è una saggista e biografa italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureata in Lettere all'Università di Cagliari, dal 1995 è organizzatrice del "Premio Nazionale Alghero Donna di Letteratura e Giornalismo"[1].

Tra il 2007 ed il 2010 ha curato con l'Associazione Salpare, la realizzazione e la conduzione di 4 documentari, per la rubrica di Rai Parlamento denominata “Dieci minuti di…”, su altrettante figure femminili: “I luoghi di Grazia” sulla scrittrice Grazia Deledda (RAI 1, 15 maggio 2007)[2]; “I luoghi di Eleonora d'Arborea” sulla giudicessa Eleonora d'Arborea (RAI 3, 3 febbraio 2010)[3]; “I luoghi di Dolores Prato” sulla scrittrice Dolores Prato (RAI 3, 21 maggio 2010)[3] ed “I luoghi di Lola Mora” sull'artista argentina Lola Mora (RAI 3, 11 novembre 2010)[4].

Dal 2008 è la coordinatrice della rassegna di incontri letterari denominata I Venerdì di Propaganda: Temi e autori[5] della L.E.V. (Libreria Editrice Vaticana) presso la Libreria Internazionale Paolo VI in Roma.

Durante la sua carriera di critica letteraria ha ricevuto numerosi premi, tra i quali spicca il Premio ritirato a Roma consegnatole da parte del Ministero dei Beni Culturali per il libro Ilaria del Carretto, la donna del Guinigi (Maria Pacini Fazzi, Lucca).

Autrice di quasi 40 volumi tra saggistica e prosa letteraria, è considerata un'esperta sul Premio Nobel Grazia Deledda, a cui ha dedicato 12 volumi; studiosa ed autrice di libri incentrati su figure femminili affermatesi nel campo della storia, arte e/o letteratura: Amalasunta, Arianna (mitologia), Dolores Prato, Eleonora d'Arborea, Ilaria del Carretto, Ildegarda di Bingen, Juana Inés de la Cruz, Lola Mora, Louise Labé, Maria Carta, Mercè Rodoreda ed altre.

Dal 2013 è il direttore editoriale della rivista telematica PortaleLetterario.net una piattaforma completamente dedicata alla critica letteraria.[6]

Opere[7][modifica | modifica wikitesto]

  • La scrittura sommersa (Cagliari, GIA editore), 1985;
  • L'ora di Lilith - Su Grazia Deledda e la letteratura femminile del secondo Novecento (Roma, Ellemme edizioni), 1987;
  • Il viaggio del muflone (Cagliari, GIA editore), 1987;
  • Ilaria del Carretto, La donna del Guinigi - Storie e leggende (Lucca, Maria Pacini Fazzi editore), 1989;
  • Arianna - La signora del labirinto (Genova, Edizioni Culturali Internazionali Genova), 1990;
  • Come leggere Canne al vento di Grazia Deledda (Milano, Ugo Mursia Editore), 1994;
  • Quotidiana - Romanzi di donne attraverso la stampa (Pisa, Pisangrafica), 1995;
  • Il peso dell'eros - Mito ed eros nella Sardegna di Grazia Deledda (Alghero, Nemapress), 2001;
  • Religiosità, fatalismo e magia in Grazia Deledda (Alba, Edizioni San Paolo), 2002;
  • Il pranzo dell'ospite - La cucina sarda nella narrativa di Grazia Deledda (Lucca, Maria Pacini Fazzi editore), 2003;
  • Amalasunta - Regina barbara (Alghero, Nemapress), 2003;
  • Lettere inedite di Grazia Deledda ad Arturo Giordano, direttore de La Rivista Letteraria (Alghero, Nemapress), 2004;
  • Come la nube sopra il mare - Vita di Grazia Deledda (Alghero, Nemapress), 2006;
  • Vento di terra, vento di mare - Grazia Deledda oltre l'isola (Alghero, Nemapress), 2007;
  • A tavola con Grazia - Cibo e cucina nell'opera di Grazia Deledda (Torino, Il Leone Verde Edizioni), 2008;
  • Le frontiere dell'uomo - Carlo Coccioli dall'Italia al Messico (Alghero, Nemapress), 2009;
  • Ildegarda di Bingen - La donna, la monaca, la santa (Città del Vaticano, Libreria Editrice Vaticana), 2013;
  • Il cammino di Efix tra i luoghi di Canne al vento (Alghero, Nemapress), 2013.
  • Da Sebastiano Satta a Eugenio Montale - Studi sulla poesia italiana del Novecento (Pisa, Giardini editore), 1984;
  • Femminile a confronto - Sulla narrativa femminile italiana del secondo Novecento (Bari-Roma, Lacaita editore), 1984;
  • Poesie des regiones d'Europe-Sardaigne - curatrice (Namur, Cahier n°1), 1988;
  • La parola in regia - Enrico IV tra Pirandello e Marco Bellocchio (Pisa, Giardini editore), 1989;
  • Orma di mirto e di maestrale - I poeti sardi a M. Gorbaciov, (Pisa, Cursi editore), 1989;
  • Comunicare per cambiare: voci poetiche di donne sarde - curatrice (Sassari, Centro Italiano Femminile), 1990;
  • Grazia Deledda (Alghero, Nemapress), 1991;
  • Poésie sarde - curatrice (Lione, Les Cahiers des Poésies-Rencontres), 1992;
  • Voli di campane, I poeti italiani per il Pontefice - curatrice (Pisa, Cursi editore), 1994;
  • Europea - Identità e scrittura (Alghero, Nemapress), 1995;
  • Carta di donna - Narratrici italiane del '900 (Torino, Società Editrice Internazionale), 1996;
  • Artemide sulla soglia - Donne e letteratura in Italia (Teramo, Demian edizioni), 1997;
  • L'immagine della donna nella letteratura - curatrice ed autrice insieme ad altri membri dell'AICL (Alghero, Nemapress), 1998;
  • Itinerari francesi de La voce di Prezzolini - La voce e la cultura europea agli esordi del secolo XX - coautore Pier Riccardo Frigeri (Pisa-Roma, Istituti Editoriali e Poligrafici Internazionali), 1998;
  • Giornalismo e letteratura - coautori Giuseppe Costa, Michele Pinna, Salvatore Tola, Margia Trigila, Franco Zangrilli (Alghero, Nemapress), 2000;
  • Isabella Morra e la poesia del Rinascimento Europeo - curatrice ed autrice insieme ad altri membri dell'AICL (Alghero, Nemapress), 2001;
  • Pagine mariane in Grazia Deledda - Atti del Convegno Internazionale su Maria nella letteratura (Roma, Opera di Don Orione), 2001;
  • Testi mariani nella letteratura italiana del secondo millennio (Roma, Città Nuova Editrice), 2002;
  • Salvatore Quasimodo, un Premio Nobel dimenticato - curatrice ed autrice insieme ad altri membri dell'AICL (Alghero, Nemapress), 2004;
  • E dicono che siamo poche… - Scrittrici italiane dell'ultimo Novecento (Roma, Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato), 2004;
  • Juana Ines de la Cruz e il barocco (Milano, L'Ancora), 2004;
  • Màscares sota la lluna Maschere sotto la luna - Victor Català e Grazia Deledda - coautrice Josefa Contijoch (Roma, Ministero per i Beni e le Attività Culturali - Comitato Nazionale Minoranze), 2006;
  • Maria nella letteratura d'Italia (Città del Vaticano, Libreria Editrice Vaticana), 2009;
  • Cristo nella letteratura d'Italia (Città del Vaticano, Libreria Editrice Vaticana), 2010.
  • Letteratura e sentimento nazionale nell'opera di Francesco De Sanctis - curatrice ed autrice insieme ad altri membri dell'AICL (Alghero, Nemapress), 2012.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Premio Alghero Donna è per Grazia Deledda, Alguer.it
  2. ^ Neria De Giovanni presenta Grazia Deledda su Rai1, Alguer.it
  3. ^ a b Associazione Salpare-eventi e progetti culturali - Cosa facciamo Archiviato il 16 ottobre 2013 in Internet Archive., Salpare.org
  4. ^ Rai 3: Neria De Giovanni presenta Lola Mora, Alguer.it
  5. ^ Riprendono “I Venerdì di Propaganda”, Zenit.org
  6. ^ Portale italiano di Critica Letteraria, su www.portaleletterario.net. URL consultato il 30 aprile 2018.
  7. ^ ICCU, Neria De Giovanni, su opac.sbn.it. URL consultato il 30 aprile 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN76470288 · ISNI (EN0000 0000 8156 8183 · SBN IT\ICCU\CFIV\037435 · LCCN (ENn88067986 · GND (DE1055742212 · BNF (FRcb13498104q (data) · NLA (EN35720650 · WorldCat Identities (ENn88-067986