Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Nawal El Moutawakel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nawal El Moutawakel
PortraitNawalElMoutawakelJune2016.jpg
Nawal El Moutawakel nel 2016.
Nazionalità Marocco Marocco
Altezza 162 cm
Peso 50 kg
Atletica leggera Athletics pictogram.svg
Specialità Ostacoli
Record
200 m 23"67 (1985)
400 m 51"70 (1987)
400 m 53"45 (indoor - 1986)
100 hs 14"85 (1983)
400 hs 54"61 (1984)
Carriera
Nazionale
1981-1987 Marocco Marocco
Palmarès
Giochi olimpici 1 0 0
Campionati africani 5 1 0
Giochi del Mediterraneo 2 0 0
Universiadi 1 0 1
Giochi panarabi 4 0 0
Campionati arabi 5 0 0
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Nawal El Moutawakel (in arabo: نوال المتوك ‎; Casablanca, 15 aprile 1962) è un'ex atleta marocchina, specializzata negli ostacoli e vincitrice della medaglia d'oro nei 400 metri ostacoli ai Giochi olimpici di Los Angeles 1984.

La vittoria a Los Angeles è ricordata in quanto è stata la prima medaglia d'oro del Marocco, la prima medaglia di un'atleta africana e la prima medaglia di una donna musulmana ai Giochi olimpici.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1995, El Moutawakel divenne membro del consiglio della International Association of Athletics Federations (IAAF),[1] e nel 1998 divenne un membro del Comitato Olimpico Internazionale (IOC).[1]

È stata anche presidente della commissione di valutazione per la selezione della città ospitante dei Giochi olimpici estivi del 2012. Nel 2006, El Moutawakel è stata una degli otto portatori della bandiera olimpica alla cerimonia d'apertura dei Giochi olimpici invernali di Torino 2006.

Tuttora (2017) è membro del CIO, mentre dal 2002 è membro fondatore e presidente dell'Associazione Marocchina per lo Sport e lo Sviluppo.[2]

Nel suo paese ha ricoperto anche importanti cariche politiche: dal 1989 al 1997 è stata ispettore del Ministero della gioventù e dello sport, dal 1997 al 1998 ha ricoperto la carica di sottosegretario del Ministero degli affari sociali, con delega alla gioventù ed allo sport; nominata Ministro per la gioventù e lo sport, ha ricoperto tale carica dal 2007 al 2009.[2]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Anno Manifestazione Sede Evento Risultato Prestazione Note
1981 Campionati arabi[3] Tunisia Tunisi 100 m piani Oro Oro 11"86
200 m piani Oro Oro 24"30
1982 Campionati africani Egitto Il Cairo 100 m piani Argento Argento 11"7
100 m hs Oro Oro 13"8
400 m hs Oro Oro 58"42
1983 Campionati magrebini[4] Marocco Casablanca 200 m piani Oro Oro 24"0
100 m hs Oro Oro 13"4
400 m hs Oro Oro 58"5
Mondiali Finlandia Helsinki 100 m hs Batteria 14"85
400 m hs Semifinale 57"10
Giochi del
Mediterraneo
Marocco Casablanca 400 m hs Oro Oro 56"59
1984 Campionati africani Marocco Rabat 200 m piani Oro Oro 23"93
400 m hs Oro Oro 56"01
Giochi olimpici Stati Uniti Los Angeles 400 m hs Oro Oro 54"61 Record olimpico
1985 Giochi panarabi[5] Marocco Rabat 100 m piani Oro Oro 11"85
200 m piani Oro Oro 23"67
400 m piani Oro Oro 53"23
400 m hs Oro Oro 58"47
Campionati africani Egitto Il Cairo 400 m hs Oro Oro 56"00
Universiadi Giappone Kōbe 400 m hs Bronzo Bronzo 55"59
1987 Universiadi Jugoslavia Zagabria 400 m hs Oro Oro 55"21
Campionati arabi[3] Algeria Algeri 200 m piani Oro Oro 24"33
400 m piani Oro Oro 54"28
400 m hs Oro Oro 59"93
Mondiali Italia Roma 400 m hs Batteria 57"21
Giochi del
Mediterraneo
Siria Laodicea 400 m hs Oro Oro 56"28

Campionati nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Nawal El Moutawakel nel 2009.
  • 3 volte campionessa nazionale dei 100 metri piani (1977, 1978, 1985)
  • 3 volte campionessa nazionale dei 200 metri piani (1977, 1978, 1985)
  • 1 volta campionessa nazionale dei 400 metri piani (1985)
  • 3 volte campionessa nazionale dei 400 metri ostacoli (1977, 1978, 1985)
  • 1 volta campionessa NCAA dei 400 metri ostacoli (1984)

Coppe e meeting internazionali[modifica | modifica wikitesto]

1981
1985

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) IAAF Council Members - Nawal El Moutawakel, su iaaf.org, IAAF. URL consultato il 9 marzo 2010.
  2. ^ a b (EN) Ms Nawal El Moutawakel, su olympic.org, CIO. URL consultato il 26 agosto 2015.
  3. ^ a b (EN) Pan Arab Championships, su gbrathletics.com. URL consultato il 5 marzo 2017.
  4. ^ (EN) Maghreb Championships, su gbrathletics.com. URL consultato il 5 marzo 2017.
  5. ^ (EN) Pan Arab Games, su gbrathletics.com. URL consultato il 5 marzo 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]