NGC 225

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
NGC 225
Ammasso aperto
NGC225HunterWilson.jpg
NGC 225
Scoperta
ScopritoreCaroline Lucretia Herschel
Data1784
Dati osservativi
(epoca J2000)
CostellazioneCassiopea
Ascensione retta00h 43m 39s[1]
Declinazione+61° 46′ 30″[1]
Distanza2142[2] a.l.
(657[2] pc)
Magnitudine apparente (V)7,0[1]
Dimensione apparente (V)12'
Caratteristiche fisiche
TipoAmmasso aperto
ClasseIII 1 p n
Età stimata130 milioni di anni[2]
Altre designazioni
Cr 7; OCl 305[1]
Mappa di localizzazione
NGC 225
Cassiopeia IAU.svg
Categoria di ammassi aperti

Coordinate: Carta celeste 00h 43m 39s, +61° 46′ 30″

NGC 225 o Ammasso della barca a vela è un ammasso aperto visibile nella costellazione di Cassiopea.

Osservazione[modifica | modifica wikitesto]

Mappa per individuare NGC 225.

Si individua con facilità grazie alla sua posizione intermedia fra le stelle γ Cassiopeiae e κ Cassiopeiae; si trova in direzione di un campo stellare molto ricco di stelle deboli. Può essere individuato anche con un binocolo 10x50, attraverso cui si presenta come una macchia chiara nella quale sono evidenti diverse stelle poco appariscenti; con un telescopio da 100mm si notano una ventina di componenti fino alla magnitudine 11 ben separate fra loro e disperse su un diametro di 12'. I campi stellari verso nord appaiono fortemente oscurati da dense nubi di polveri; nelle foto a lunga esposizione si evidenzia in questa direzione la nebulosa a riflessione vdB 4.

La declinazione fortemente settentrionale di quest'ammasso favorisce notevolmente gli osservatori dell'emisfero nord, da cui si presenta circumpolare fino alle latitudini medio-basse; dall'emisfero australe d'altra parte resta piuttosto basso e non è osservabile dalle aree lontane dalla zona tropicale.[3] Il periodo migliore per la sua osservazione nel cielo serale è quello compreso fra agosto e gennaio.

Storia delle osservazioni[modifica | modifica wikitesto]

NGC 225 venne individuato per la prima volta da Caroline Lucretia Herschel nel 1784 attraverso un telescopio riflettore da 4,2 pollici e segnalato a suo fratello William. Il figlio di quest'ultimo, John, lo riosservò e lo inserì poi nel suo General Catalogue of Nebulae and Clusters col numero 120.[4]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

NGC 225 è un ammasso aperto poco concentrato la cui distanza è stimata attorno ai 657 parsec (2142 anni luce),[2] in una zona interna al Braccio di Orione a breve distanza dall'ammasso NGC 133 e dalla regione di Cepheus OB4; lungo la sua linea di vista si estende un sistema di nebulosità situate in primo piano, su cui spiccano la nebulosa oscura LDN 1297 e la nebulosa a riflessione vdB 4.

La sua età è stimata sui 120-130 milioni di anni al massimo ed è limitata verso l'alto dalla presenza di una stella di classe spettrale B6,5 ancora nella fase di sequenza principale; sono note 28 componenti fino alla magnitudine 16,1, cui si aggiunge una possibile stella fuggitiva. La massa totale dell'ammasso è stimata fra le 59 e le 88 M.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d SIMBAD Astronomical Database, in Results for NGC 225. URL consultato il 23 luglio 2013.
  2. ^ a b c d WEBDA page for open cluster NGC 225, su univie.ac.at. URL consultato il 23 luglio 2013.
  3. ^ Una declinazione di 61°N equivale ad una distanza angolare dal polo nord celeste di 29°; il che equivale a dire che a nord del 29°N l'oggetto si presenta circumpolare, mentre a sud del 29°S l'oggetto non sorge mai.
  4. ^ Catalogo NGC/IC online - result for NGC 225, su ngcicproject.org. URL consultato il 23 luglio 2013 (archiviato dall'url originale il 28 maggio 2009).
  5. ^ Lattanzi, Mario G.; Massone, Giuseppe; Munari, Ulisse, Memberships and CM diagrams of young open clusters. I - NGC 225, in Astronomical Journal, vol. 102, luglio 1991, pp. 177-199, DOI:10.1086/115865. URL consultato il 23 luglio 2013.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Catalogo NGC/IC online, su ngcicproject.org. URL consultato il 23 luglio 2013 (archiviato dall'url originale il 28 maggio 2009).
  • Tirion, Rappaport, Lovi, Uranometria 2000.0, William-Bell inc. ISBN 0-943396-14-X

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Oggetti del profondo cielo Portale Oggetti del profondo cielo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di oggetti non stellari