My Super Psycho Sweet 16 2

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
My Super Psycho Sweet 16 2
Titolo originale My Super Psycho Sweet 16 2
Paese Stati Uniti d'America
Anno 2010
Formato film TV
Genere horror
Durata 84 min.
Lingua originale inglese
Rapporto 1,78 : 1
Crediti
Regia Jacob Gentry
Sceneggiatura Jed Elinoff, Scott Alan Thomas
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
Fotografia Eric Maddison
Montaggio Matt Blundell
Musiche Ben Lovett
Scenografia Guy H. Tuttle
Costumi Caroline Miller
Effetti speciali Blake Myers
Produttore Alexander Motlagh, Chris White
Produttore esecutivo Maggie Malina
Casa di produzione POP Films
Prima visione
Prima TV originale
Data 22 ottobre 2010
Rete televisiva MTV
Prima TV in italiano
Data 27 novembre 2012
Rete televisiva MTV Italia
Opere audiovisive correlate
Originaria My Super Sweet 16
Precedenti My Super Psycho Sweet 16
Seguiti My Super Psycho Sweet 16 3

My Super Psycho Sweet 16 2 è un film per la televisione del 2010 diretto da Jacob Gentry, trasmesso su MTV il 22 ottobre 2010[1].

In Italia è stato trasmesso su MTV Italia il 27 novembre 2012[2].

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il massacro al Roller-Dome, Skye Rotter, ricercata dalla polizia perché è l'unica a sapere cosa sia veramente successo, si trasferisce in una piccola cittadina lontana centinaia di miglia da casa sua, dove tenta di cominciare una nuova vita con la madre Carolyn Bell, che l'ha abbandonata da piccola e si è rifatta una vita, sposandosi nuovamente: Skye si ritrova così ad avere una sorellastra, Alex. Inizialmente le due ragazze non hanno un bel rapporto, ma presto si aprono l'una all'altra; Skye si avvicina anche alla madre, che le chiede di non dire ad Alex che il suo precedente marito è stato assassinato.

Durante una festa al Bone Yard, Charlie Rotter uccide diversi invitati, compresa Carolyn, finché Skye non lo pugnala al petto. Tempo dopo, Alex vive con i nonni e Skye da Brigg nella sua città natale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Televisione