Monte Spinarda - Rio Nero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Monte Spinarda - Rio Nero
Monte Spinarda boscaglia sommitale.png
Noccioli fioriti in inverno presso la cima del monte Spinarda
Tipo di areaSIC / ZSC
Codice WDPA555528212
Cod. Natura 2000IT1323014
StatiItalia Italia
RegioniLiguria Liguria
ProvinceSavona Savona
ComuniBardineto, Calizzano
Superficie a terra943 ha
Mappa di localizzazione
Coordinate: 44°12′39.96″N 8°04′27.84″E / 44.2111°N 8.0744°E44.2111; 8.0744

Monte Spinarda - Rio Nero è un sito di interesse comunitario della Regione Liguria[1], nell'ambito della Direttiva 92/43/CEE (Direttiva Habitat). Designato anche come designato come Zona Speciale di Conservazione[2], comprende un'area di 943 ettari[3] nel territorio dei comuni di Bardineto e Calizzano[1], in Provincia di Savona.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Il SIC comprende, oltre ai versanti liguri del Monte Spinarda, alcune vallette tre le quali quella del Rio Nero, che assieme alla montagna dà il nome all'area protetta. Tipiche del sito sono le rocce di tipo anfibolitico (le anfiboliti di Monte Spinarda); sono inoltre presenti graniti e migmatiti. La zona è tutt'ora piuttosto selvaggia, con estesi boschi e poche abitazioni localizzate in particolare sul fondo delle valli scavate da alcuni corsi d'acqua che attraversano la zona.[1]

Flora e vegetazione[modifica | modifica wikitesto]

Nell'area protetta si alternano boschi di diverse tipologie: vasti castagneti, faggete e alcuni tratti a conifere; nelle aree di fondovalle, più umide, sono presenti alneti e saliceti, di particolare pregio ambientale. Numerose sono le specie di orchidee presenti.[1]

Fauna[modifica | modifica wikitesto]

Oltre alle specie di vertebrati tipiche delle Prealpi Liguri (cinghiali, caprioli, tassi, volpi ...) sono presenti nel sito alcune interessanti specie di invertebrati come ad esempio Austropotamobius pallipes (il gambero di fiume), una specie in forte regressione legata a corsi d'acqua in buono stato ambientale. Tra gli insetti si può ricordare la presenza del coleottero endemico Parabathyscia sbordonii.[1]

Attività[modifica | modifica wikitesto]

La zona attorno al monte Spinarda è percorsa da vari itinerari escursionistici. Tra questi quelli che salgono alla cima della montagna partendo dal Colle del Quazzo[4] o da Calizzano[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e SIC e ZPS in Liguria » Savona » Monte Spinarda - Rio Nero, su natura2000liguria.it, Regione Liguria. URL consultato il 6 giugno 2020.
  2. ^ Zone Speciali di Conservazione (ZSC) della regione biogeografica alpina ligure - Misure di conservazione (PDF), Regione Liguria. URL consultato il 9 giugno 2020.
  3. ^ AA.VV., ALLEGATO A - Quarto elenco aggiornato dei siti di importanza comunitaria per la regione biogeografica alpina in Italia, in Supplemento ordinario n. 90 alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale, p. 100. URL consultato il 6 giugno 2020.
  4. ^ Spinarda (Monte) dal Colle Case Quazzo e il Bric Meriano, su gulliver.it. URL consultato il 7 giugno 2020.
  5. ^ Spinarda (Monte) Traversata ad anello del Monte Spinarda, su gulliver.it. URL consultato il 7 giugno 2020.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]