Monte San Vicino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Monte San Vicino
MonteSanVicino.JPG
Monte San Vicino visto da Castelplanio.
StatoItalia Italia
RegioneMarche Marche
ProvinciaMacerata Macerata
Prominenza1 102 m
CatenaAppennino umbro-marchigiano
Coordinate43°19′54.81″N 13°03′40.54″E / 43.331893°N 13.06126°E43.331893; 13.06126Coordinate: 43°19′54.81″N 13°03′40.54″E / 43.331893°N 13.06126°E43.331893; 13.06126
Altri nomi e significatiMonte Suavicino
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Monte San Vicino
Monte San Vicino

Il San Vicino (1.484 m s.l.m.[1]) è un monte dell'Appennino marchigiano situato in provincia di Macerata, non lontano dalla linea di confine con la provincia di Ancona.

Geologia[modifica | modifica wikitesto]

Il Monte San Vicino visto da Apiro.

La montagna è di origine mesozoica e vi predominano rocce di tipo calcareo.[2]

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

La montagna era un tempo chiamata anche Monte Suavicino.[3][2]. L'origine del nome San Vicino è forse legata alla divinità romana di Giano[4], il Giano bifronte vigilante (vicilinus), a cui la montagna potrebbe essere stata dedicata perché vegliasse sul confine tra i Piceni ed i popoli Umbri.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Questa montagna ha una particolarità: vista da sud ha una forma a gobba di cammello, da nord assume un forma tricuspidale, e da est o ovest assomiglia a un vulcano spento. Dato il suo isolamento il monte è facilmente distinguibile anche da molto lontano, e dalla sua cima si gode di un vastissimo panorama che arriva fino alla Dalmazia.[3]

Poco lontano dalla sua vetta, a 1.479 m s.l.m.[5], si trova una grande croce di ferro. Il giorno di Pasquetta, come da tradizione, gli abitanti dei paesi vicini sono soliti andare a fare un picnic con pizze pasquali e salumi sulla cima del monte.

Accesso alla vetta[modifica | modifica wikitesto]

La croce di vetta vista dalla cima principale

La salita al Monte San Vicino è di tipo escursionismo e può avvenire seguendo sentieri segnalati; si può partire dai Prati di San Vicino (a sud della vetta) oppure - con un dislivello maggiore - partendo da Pian dell'Elmo (a nord).[6]

Tutela naturalistica[modifica | modifica wikitesto]

Faggete e balze calcaree sul versante meridionale

Il Monte San Vicino e l'area circostante fanno parte della ZPS Monte San Vicino e Monte Canfaito (cod. IT5330025) e del SIC Monte S.Vicino (cod. IT5330015), istituiti nell'ambito della rete europea Natura 2000.[7] Ricadono inoltre nella Riserva naturale regionale del Monte San Vicino e del Monte Canfaito, istituita nel 2009 dalla Regione Marche.[8]

Nella cultura popolare[modifica | modifica wikitesto]

Da tempo immemorabile esiste un proverbio legato al San Vicino, che aiutava nella previsione del clima durante l'inverno. Esistono due versioni del proverbio. La prima recita: Se San Vicino si mette il cappello, vendi le capre e compra il mantello; se San Vicino si mette le brache, vendi il mantello e compra le capre. Il cappello e le brache (calzoni) sono le nuvole che vanno a coprire, rispettivamente, o la cima del monte o la sua base, lasciando la cima visibile; nel primo caso si prevede che pioverà, nel secondo che sarà bel tempo. In tempi recenti la parola "mantello" è stata sostituita dal più moderno "ombrello".

La seconda versione è quella riportata dagli anziani di Frontale di Apiro, ultimo paese alle pendici del monte, ed è forse la più veritiera: Se San Vicino mette il cappello, vendi la capra e compra il mantello; se San Vicino sbraca, vendi il mantello e compra la capra. Gli anziani del paese dicono che il cappello non è riferito alle nuvole, ma alla prima nevicata dell'inverno: se questa coprirà solo la parte superiore della montagna (a mo' di cappello!) l'inverno sarà freddo e rigido (vendi la capra e compra il mantello); se, invece, la prima nevicata sbracherà, ovvero si "allargherà troppo", la neve interesserà non solo la cima della montagna, ma anche il paese (vendi il mantello e compra la capra, perché l'inverno non sarà rigido).

Era preso come riferimento e orientamento dai marinai e pescatori del Mare Adriatico nei secoli scorsi, in quanto chiaramente visibile al largo delle coste.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il sistema fisico: geologia e geomorfologia, Riserva naturale regionale del Monte San Vicino e del Monte Canfaito. URL consultato il 30 agosto 2020.
  2. ^ a b Ettore Ricci, SAN VICINO, Monte, in Enciclopedia Italiana, Istituto Treccani. URL consultato il 30 agosto 2020.
  3. ^ a b AA.VV., Monografie agricole italiane raccolte e pubblicate dal prof. Luigi Bodio - Sulle condizioni agricole dell'Agro Fabrianese, in L'Agricoltura italiana, vol. 3, Pixa, Regio istituto agrario, pp. 282. URL consultato il 30 agosto 2020.
  4. ^ Fabio Filippetti e Elsa Ravaglia, Alla scoperta dei segreti perduti delle Marche, Newton Compton, 2017. URL consultato il 30 agosto 2020.
  5. ^ Monte S. Vicino (anello da Pian dell'Elmo), Club Alpino Italiano (sezione di Perugia). URL consultato il 30 agosto 2020.
  6. ^ Carta dei Sentieri (PDF), Riserva Naturale Regionale del Monte San Vicino e del Monte Canfaito. URL consultato il 30 agosto 2020.
  7. ^ IT5330025 - Monte San Vicino e Monte Canfaito, Regione Marche. URL consultato il 30 agosto 2020.
  8. ^ http://www.riservamontesanvicino.it/wp-content/uploads/2014/07/relazione_illustrativa.pdf AA.VV., Relazione illustrativa, Regione Marche, 2014 accesso = 2020-08-30.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]