Proverbio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il proverbio (dal latino proverbium) è una massima che contiene norme, giudizi, dettami o consigli espressi in maniera sintetica, molto spesso in metafora e in rima, e che sono stati desunti dall'esperienza comune. Essi generalmente riportano una verità (o quello che la gente ritiene sia vero): si dice infatti che i proverbi siano frutto della saggezza popolare o della cosiddetta "filosofia popolare" o spontanea[1], ma v'è chi sostiene che altro non siano che la versione codificata di luoghi comuni o del senso comune. Possono contenere similitudini. Metafore o similitudini sono tratte da usi, costumi, leggende del popolo nella cui lingua è nato il proverbio. Ma molti proverbi sono comuni a più lingue diverse. Si distinguono dai modi di dire in quanto sono sempre costituiti da frasi complete, anche se talvolta uno degli elementi che costituiscono la frase è sottinteso. Possono essere:

  • Prescrittivi, quando indicano direttamente un comportamento da tenere o da evitare.
    Es. "Moglie e buoi dei paesi tuoi" (sottinteso il verbo "prendi" e l'avverbio "soltanto")
  • Descrittivi, quando "descrivono" in modo impersonale un determinato comportamento da evitare o da seguire
    Es. "Chi va con lo zoppo impara a zoppicare"

In genere si raccolgono e si studiano in quanto patrimonio culturale, testimonianza di epoche passate, sopravvivenza di esperienze un tempo importanti. Lo studio dei proverbi si chiama paremiologia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Miguel de Cervantes, "I proverbi sono piccole sentenze, basate sull'esperienza e sul ragionamento dei nostri antichi saggi".

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE4056550-6
Linguistica Portale Linguistica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di linguistica