Monte Pelvo (Pic de Caramantran)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Monte Pelvo
Pelvo (chianale).jpg
Il Monte Pelvo e il Col de Chamoussiere
StatiItalia Italia
Francia Francia
RegionePiemonte Piemonte
Provenza-Alpi-Costa Azzurra Provenza-Alpi-Costa Azzurra
ProvinciaCuneo Cuneo
Stemma Alte Alpi
Altezza3 021 m s.l.m.
CatenaAlpi
Coordinate44°40′45.06″N 6°57′45.77″E / 44.679182°N 6.962714°E44.679182; 6.962714Coordinate: 44°40′45.06″N 6°57′45.77″E / 44.679182°N 6.962714°E44.679182; 6.962714
Altri nomi e significatiPic de Caramantran
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Monte Pelvo
Monte Pelvo
Mappa di localizzazione: Alpi
Monte Pelvo (Pic de Caramantran)
Dati SOIUSA
Grande ParteAlpi Occidentali
Grande SettoreAlpi Sud-occidentali
SezioneAlpi Cozie
SottosezioneAlpi del Monviso
SupergruppoGruppo del Chambeyron in senso ampio
GruppoGruppo del Mongioia
SottogruppoCostiera Roc della Niera-Péouvou
CodiceI/A-4.I-A.3.b

Il Monte Pelvo (3.021 m s.l.m. - Pic de Caramantran in francese) è una montagna delle Alpi Cozie (sottosezione alpina Alpi del Monviso). Si trova sul confine italo-francese tra l'alta Val Varaita e il Queyras ed interessa il comune italiano di Pontechianale (CN).

La quota della montagna è indicata in 3021 m sulla cartografia italiana IGM, ed in 3025 m su quella francese IGN.[1]

I versanti francesi della montagna ricadono nel Parco naturale regionale del Queyras.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

La montagna sorge a poco più di un km in linea d'aria a sud-ovest del Colle dell'Agnello ed è separata da questo, per cresta, dalla vicina Punta dell'Alp (3.031 m).

Lo spartiacque principale prosegue verso sud formando il Colle di Saint Veran (2.844 m, percorso da un sentiero), che divide il Pelvo dalla Rocca Bianca.

Il Pelvo presenta un versante meridionale che scende verso il Vallone del Rio Saint Veran, tributario del Varaita.[2]

I due versanti francesi (nord-est e ovest) sono rivolti rispettivamente verso il Vallone dell'Aigue Agnelle e verso quello dell'Aigue Blanche, due torrenti che confluiscono nei pressi di Molines-en-Queyras.

In corrispondenza della cima si diparte verso nord dal crinale principale una costiera che separa i due valloni francesi e che collega il Pelvo con il Colle di Chamoussiere (2.884 m).

Il termine Pelvo è un toponimo piuttosto diffuso nelle Alpi Occidentali e deriverebbe da una voce celtica indicante una scoscesa montagna rocciosa.[3][4]

Ascensione alla vetta[modifica | modifica wikitesto]

La via di salita normale per chi proviene dal versante italiano parte qualche centinaio di metri a valle del Colle dell'Agnello, sul lato francese, raggiunge il Colle di Chamoussiere e di qui risale l'ampia e poco inclinata cresta nord della montagna.[1]

Un'alternativa, soprattutto per chi proviene dal versante francese, è quella di raggiungere il colle di Saint-Véran e da qui salire alla vetta seguendo la cresta meridionale.[1]

Ascensione invernale[modifica | modifica wikitesto]

Data la sua relativa facilità la montagna è raggiungibile con gli sci da sci alpinismo[1] e, per i cicloalpinisti più esperti, anche in MTB.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Giulio Berutto, Monviso e le sue valli - vol 1 - II edizione, Istituto Geografico Centrale, 1997
  2. ^ Carta Tecnica Regionale raster 1:10.000 (vers.3.0) della Regione Piemonte - 2007
  3. ^ Provincia di Cuneo - Pelvo d'Elva - etimologia di Pelvo, su montagna.provincia.cuneo.it. URL consultato il 20 aprile 2009 (archiviato dall'url originale il 5 maggio 2007).
  4. ^ Roberto D'Amico, L'anima segreta della Val Varaita, collana Quaderni di cultura alpina, Priuli & Verlucca editori, Ivrea, 2000, ISBN 88-8068-163-X
  5. ^ Sito sul cicloalpinismo www.cicloalpinismo.com

Cartografia[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia aggiuntiva[modifica | modifica wikitesto]

  • M. Bruno, Alpi Cozie Meridionali - Monte Viso, collana Guide dei monti d'Italia, CAI-TCI, 1987

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]