Molina (Fumane)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Molina
frazione
Molina – Veduta
Antico casale a Molina
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of Arms of Veneto.png Veneto
ProvinciaProvincia di Verona-Stemma.png Verona
ComuneFumane-Stemma.png Fumane
Territorio
Coordinate45°36′41″N 10°54′40″E / 45.611389°N 10.911111°E45.611389; 10.911111 (Molina)Coordinate: 45°36′41″N 10°54′40″E / 45.611389°N 10.911111°E45.611389; 10.911111 (Molina)
Altitudine580 m s.l.m.
Abitantic,ca 110
Altre informazioni
Cod. postale37022
Prefisso045
Fuso orarioUTC+1
Nome abitantimolinesi
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Molina
Molina

Molina è una frazione del comune di Fumane in provincia di Verona. Si posiziona sulla strada che porta da Fumane a Breonio e Gorgusello.

Nei pressi del paese è presente il parco delle cascate di Molina.

Il paese[modifica | modifica wikitesto]

Molina in una foto d'epoca

Molina è una piccola frazione con alcune caratteristiche importanti. È uno dei tre punti della Lessinia dove scorrono acque superficiali. La forte concentrazione di attrazioni nel piccolo centro abitato ha costretto a trasformarlo in una isola pedonale cui hanno accesso solo i residenti. È uno dei classici villaggi di pietra presenti nella Lessinia. Il suo nome deriva dalla presenza dei mulini nel paese e lungo la valle, nelle vicinanze.

La parrocchiale[modifica | modifica wikitesto]

La costruzione dell'attuale chiesa è dell'inizio del XX secolo, dal 1904 al 1910, su progetto dell'architetto Flaminio Fraccaroli. Interessante è il campanile, precedente alla chiesa attuale, costruito integralmente in pietra della Lessinia. Divenne parrocchia il 1º gennaio 1915 e fu consacrata dal cardinale Bartolomeo Bacilieri nativo del paese.

Il parco delle cascate[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Parco delle cascate di Molina.
Parco delle cascate di Molina

Il parco delle cascate di Molina fu proposto dal professor Giuseppe Perin, geologo e confratello dell'ordine di Don Calabria. Colpito dall'unicità della zona delle cascate, propose alla comunità di Molina e alle autorità locali di costituire il parco. Perin fu attivo come geologo in altre parti della Lessinia. Il parco attira tra 30.000 e 50.000 visitatori ogni anno, creando posti di lavoro che hanno permesso di mantenere la residenza a più molinesi. La comunità di Molina, riconoscente delle intuizioni di Perin, lo ha ricordato con una stele nella piazza della Chiesa.[1]

Il museo botanico[modifica | modifica wikitesto]

È uno dei sette musei del Sistema museale della comunità della Lessinia.

Il Museo Botanico della Lessinia di Molina fu inaugurato nel 1981 e ampliato nel 1996. È nell'edificio adiacente il campanile. Il museo è intitolato ad un medico e botanico nato a Molina nel 1773, Giovanni Zantedeschi. Espone circa 300 specie della flora della Lessinia e della Valpolicella.[2]

Il Riparo Solinas[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Grotta di Fumane.

Il Riparo Solinas, noto anche come Grotta di Fumane, si trova a sud dell'abitato di Molina, sulla strada che da Cà Gottolo si inerpica verso Molina.

Fu scoperto nel 1962 da Giovanni Solinas con il figlio Alberto, entrambi appassionati e studiosi della Paleontologia e della Preistoria locale. Il Riparo fu abitato per un lunghissimo periodo che va da circa 60.000 anni fa con presenze dell'uomo di Neanderthal (Homo neanderthalensis), dall’Homo sapiens dell'Aurignaziano, circa 34.000 a 32.000 anni fa, fino al crollo della grotta che si presume risalga a 25.000 anni fa, come conseguenza ed effetto di una glaciazione.[3]

Viene considerato da molti il sito più importante in Europa per il lungo periodo di utilizzo e per caratteristiche proprie che ha. Si unisce ad un sistema di presenze preistoriche nel nord veronese che ha le più ampie ed importanti ed accessibili nel Riparo Soman, nel Riparo Tagliente, nel Covolo di Camposilvano, nel sistema di grotte ai piedi del Ponte di Veja, nel Castelliere delle Guaite e in una miriade di presenze minori, frequentabili e documentate.

La festa delle cascate[modifica | modifica wikitesto]

La terza domenica di luglio si svolge la festa delle cascate. Nel 2017 si è tenuta la 45a edizione. All'interno della festa vengono cucinati cibi tipici del paese, come la zuppa del Mugnaio (da ricordare l'acqua superficiale e la conseguente presenza dei mulini) e la trota alle erbette aromatiche locali. La festa ha inglobato in sé da anni altre manifestazioni, come la rassegna del formaggio Monte Veronese, la rassegna del vino Valpolicella classico superiore, Amarone e Recioto e la recente Rassegna artigianale delle arti e degli antichi mestieri.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Brugnoli, 1990a, p. 17.
  2. ^ Brugnoli, 1990b, p. 337.
  3. ^ Brugnoli, 1990a, pp. 34-35.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pierpaolo Brugnoli (a cura di), Fumane e le sue comunità, Cavalo Mazzurega Fumane, volume I, Fumane, Centro di documentazione per la storia della Valpolicella, 1990. ISBN non esistente
  • Pierpaolo Brugnoli (a cura di), Fumane e le sue comunità, Molina Cavalo, volume II, Fumane, Centro di documentazione per la storia della Valpolicella, 1990. ISBN non esistente

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Veneto Portale Veneto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Veneto