Miraluka

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

I Miraluka sono una specie senziente appartenente all'universo espanso di Guerre stellari'.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

I Miraluka parlavano il Miralukese come lingua madre, anche se alcuni, come Jidai Geki Kun, Jerec e Visas Marr, preferivano il Basic Galattico. Differivano dagli umani comuni in quanto non avevano occhi, presentando solo le orbite vuote. I Miraluka percepivano l'ambiente attraverso la Forza invece di usare la normale vista. Per ragioni morali i Miraluka nascondevano le orbite usando maschere, fasce o veli ampiamente decorati, secondo le loro antiche tradizioni. Nonostante la loro naturale tendenza alla Forza, i Jedi Miraluka erano rari, e i Sith Miraluka erano sconosciuti prima della Guerra Civile Jedi.

Il loro pianeta natale era Alpheridies. Una colonia dei Miraluka, Katarr, venne distrutto e privato di ogni forma di vita dal Signore dei Sith Darth Nihilus nel 3.952 BBY circa, durante un consiglio dei Jedi. Gli unici sopravvissuti furono Visas Marr e Jidai Geki Kun, discendente diretto di Exar Kun.

La Vista mediante la Forza[modifica | modifica wikitesto]

Era l'abilità innata dei Miraluka, dono di nascita, potere quasi incontrollabile per chi non fosse nato senza occhi.

Miraluka noti[modifica | modifica wikitesto]

L'Ultimo dei Miraluka (Jidai Geki Kun)[modifica | modifica wikitesto]

« Bramo da tanto tempo, di cui ho perso la cognizione, poter vedere, ancora una volta, la mia Razza crescere e prosperare, come faceva innanzi la strage di Darth Nihilus... Chi vanta onore e gloria e coraggio? A raccolta i Jedi. Sguainiamo le radiose Spade. Avanziamo in campo. Resuscitiamo i Miraluka! »

(Jidai Geki Kun)

Personaggio dell'Universo espanso di Guerre stellari. La data delle vicende di questo mito non ha collocazione nel tempo; è una leggenda che si tramanda da quando esiste la Forza stessa.

Jidai Geki Kun, cavaliere Jedi al servizio della Repubblica, unico erede diretto dello Jedi caduto Exar Kun, fu allenato dal Maestro Jedi Nemek Sun, uno dei pochi Jedi veterani Twi'lek rimasti in vita in seguito alle continue schermaglie Sith. Nativo del pianeta Katarr, si diceva fosse l'Ultimo Miraluka rimasto in vita, insieme all'amica Visas Marr, dopo la strage di Darth Nihilus. Come Sentinella dell'ordine degli Jedi, era un grande pensatore e filosofo, ma non mediocre nell'arte con la spada. Grazie all'abilità innata, la Vista mediante la Forza, conosceva ogni sfumatura della Forza e di chi ne era portatore. Inventò parecchi Poteri personali (come le Lance di Forza) e li eseguiva sempre con facilità e grazia, accompagnandoli con le potenti piroette della sua argentea Spada Laser Nur-Menel, dono del padre, contenente uno dei rarissimi Cristalli Cremisi di Kaibbur.

Apparizioni[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Guerre stellari Portale Guerre stellari: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Guerre stellari