Micone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Micone, figlio di Fanomaco e padre di Timarete[1] (in greco antico: Μίκων, Míkon; ... – ...), è stato un pittore e scultore greco antico di origine ateniese e attivo interno alla metà del V secolo a.C.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Micone decorò il tempio dei Dioscuri di Atene, dipingendovi il Ritorno degli Argonauti.[2] In collaborazione con Polignoto decorò il Theseion con scene della vita di Teseo e sempre in collaborazione con Polignoto e Paneno partecipò alla decorazione della Stoà Pecile, dove dipinse una Maratonomachia e una Amazzonomachia; gli Ateniesi gli inflissero una multa di trenta mine per aver rappresentato i Persiani più grandi dei Greci.

I temi affrontati sono tipici dell'età cimoniana, soggetti caratterizzati dal movimento e dall'azione, dove Micone sembra aver portato alcune innovazioni compositive nella disposizione delle figure e negli elementi paesistici. Si servì per le sue opere dei quattro colori tradizionali (nero, bianco, rosso e giallo).

Dell'attività di Micone quale bronzista riferisce Plinio il Vecchio (Nat. hist., XXXIV, 88, 2): gli sono attribuite una statua del campione olimpico Callia, vincitore del pancrazio nel 472 a.C., e una statua equestre dedicata sull'acropoli di Atene, della quale resta parte della base con iscrizione, datata intorno al 440 a.C.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti secondarie

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN52501829 · GND (DE119548097 · ULAN (EN500058184 · CERL cnp00558938 · WorldCat Identities (EN52501829