Mi chiamo Maya

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mi chiamo Maya
Lingua originaleitaliano
Paese di produzioneItalia
Anno2015
Durata90 min
Generedrammatico
RegiaTommaso Agnese
SceneggiaturaMassimo Bavastro, Tommaso Agnese
Casa di produzioneMagda Film, Rai Cinema
Distribuzione (Italia)Red Post Production
FotografiaDavide Manca
MontaggioMarco Careri
MusicheGiorgio Giampà
ScenografiaPasquale Tricoci
CostumiSilvana Turchi
Interpreti e personaggi

Mi chiamo Maya è un film del 2015 diretto da Tommaso Agnese e prodotto dalla Magda Film, in coproduzione con Rai Cinema.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Mi chiamo Maya è la storia di Niki, una sedicenne che, dopo l'improvvisa morte della madre Lena, fugge dalla casa famiglia che la ospita e dall'assistente sociale Cecilia Fornari portando con sé la sorellina Alice. Sarà un viaggio alla ricerca della libertà attraverso mondi romani noti o sconosciuti e storie in bilico tra sballo e ribellione, punteggiato da incontri con persone diverse delle quali il regista racconta le storie vere raccolte con lo sceneggiatore Massimo Bavastro: la spregiudicata cubista Sara, la viziata Elisabetta, l'artista di strada Marc Bresson e l'oscura punk Bea. Una “traversata iniziatica” che, tra mille difficoltà, traghetterà Niki e Alice verso una nuova vita.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema