Messerschmitt Me P.1106

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Messerschmitt P.1106
MeP1106 1.JPG
Modello in scala del Me P.1106 ver. II
Descrizione
Tipocaccia pesante
Equipaggio1
CostruttoreGermania Messerschmitt
Sviluppato dalMesserschmitt Me P.1101
Dimensioni e pesi
Lunghezza9,19 m
Apertura alare6,65 m
Altezza3,37 m
Peso a vuoto2 300 kg
Propulsione
Motoreun turbogetto Heinkel HeS 011
Potenza13 kN
Prestazioni
Velocità max993 km/h
Armamento
Cannoni2 MK 108 calibro 30 mm
NoteI dati relativi alle prestazioni sono puramente teorici

i dati sono estratti dal sito Luft '46[1]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

Il Messerschmitt Me P.1106 fu un aereo da caccia a getto di prima generazione, un'evoluzione del P.1101, sviluppato dall'azienda aeronautica tedesca Messerschmitt AG nei primi anni quaranta ma che non superò mai la fase progettuale.

Storia del progetto[modifica | modifica wikitesto]

Il progetto sviluppato tra il 4 dicembre 1944 e la metà di febbraio del 1945, fu modificato più volte: nella prima versione i piani di coda erano a T e il posto di pilotaggio era addossato alla pinna verticale del piano di coda. In una versione successiva i piani di coda verticali furono sdoppiati a V, e il posto del pilota avanzato.

Il motore centrale a reazione previsto era un turbogetto Heinkel HeS 011; le ali avevano una freccia all'indietro di 40°. Il carrello triciclo era retrattile.

L'armamento consisteva in due cannoncini MK 108 da 30 mm.

Il progetto fu abbandonato per la scarsa visibilità del pilota e per le prestazioni non superiori al progetto più avanzato del P.1101.

I progetti e i prototipi requisiti nel 1945 dai russi furono la base per lo sviluppo degli aviogetti poi prodotti dall'URSS.[2] In particolare i primi progetti di aerei a getto sviluppati dall'OKB Yakovlev si ispiravano al Messerschmitt Me P.1106 [2] seguendone l'architettura, con il prototipo Yak-Jumo che utilizzava Junkers Jumo 004 tedeschi requisiti. Da questi primi prototipi la produzione sovietica passò nel giugno del 1946 allo sviluppo dello Yak-15, prodotto in 280 esemplari.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Johnson 2002, Messerschmitt Me P.1106.
  2. ^ a b (RU) Яковлев Як-15, su Уголок неба, http://www.airwar.ru. URL consultato il 9 dicembre 2009.
  3. ^ Gordon 2002, pp. 48 e succ.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Manfred Griehl, Jet Planes of the Third Reich: The Secret Projects, Volume 1, Sturbridge, MA, Monogram Aviation Publications, 1998, ISBN 978-0-914144-36-6.
  • (EN) Yefim Gordon, Early Soviet Jet Fighters: The 1940s and Early 1950s (Red Star), Volume 4, Voyageur Press (MN), 2002, ISBN 1-85780-139-3.
  • (EN) Marek Ryś, German Air Projects, 1935 - 1945 (Red Series), Volume 2: Fighters, Mushroom Model Publications (MMP), 2004, ISBN 83-89450-07-0.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]