Max Del Buono

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Max Del Buono

Max Del Buono, pseudonimo di Massimo Antonio Marzo (Tricase, 31 luglio 1969), è un conduttore radiofonico e disc-jockey italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto a Presicce, ha iniziato da giovane a lavorare come disc jockey nei locali della sua zona, avvicinandosi infine al mondo della radio e debuttando nel 1993 nell'emittente locale della Puglia Radio Rama, dove è rimasto per due anni, quando passa a Radio Reporter avviando una lunga collaborazione in qualità di direttore artistico.[1]

Dopo diverse esperienze su Radio Manbassa e Ciccio Riccio, nel 2005 è entrato a far parte del Gruppo Norba, conducendo trasmissioni radiofoniche su Radio Norba e divenendo speaker ufficiale dell'emittente televisiva del gruppo, Telenorba. Nel 2006 ha inoltre condotto Battiti Live, festival musicale itinerante nel sud Italia promosso da Radionorba.[2]

Ha raggiunto la notorietà nazionale nel 2013, quando passa al network nazionale RDS conducendo nei primi mesi una trasmissione notturna, passando poi nella fascia serale, affiancato da Paolo Piva e Giuditta Arecco. Nel 2016 e nel 2017 partecipa al talent show RDS Academy, "guidando" i concorrenti della trasmissione.[3] Da settembre 2016 conduce nel weekend: ogni sabato mattina dalle 5 alle 7 e ogni domenica mattina dalle 5 alle 9. Dal 10 dicembre 2017 è affiancato nella stessa fascia da Valerio Scarponi. [4][5] [6]

Radio[modifica | modifica wikitesto]

TV[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L'intervista a Max Del Buono, speaker a Radio Norba, in radiospeaker.it, 24 maggio 2012. URL consultato il 6 luglio 2016.
  2. ^ Radio Norba Battiti Live a Campomarino, in maciste.it, 13 agosto 2006. URL consultato il 6 luglio 2016.
  3. ^ Max Del Buono: RDS e il suo Salento, in DeaRadio, 1° luglio 2016. URL consultato il 6 luglio 2016.
  4. ^ Scheda di Max Del Buono sul sito di RDS, su rds.it. URL consultato il 6 luglio 2016.
  5. ^ Max Del buono a RDS, in radiospeaker.it, 20 settembre 2013. URL consultato il 6 luglio 2016.
  6. ^ http://www.rds.it/palinsesto/