Maurizio Salvi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Maurizio Salvi (Genova, 1952) è un direttore d'orchestra e tastierista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver completato gli studi di pianoforte e di composizione presso il Conservatorio Niccolò Paganini di Genova ha compiuto lavori come direttore del coro e maestro di sala.

Negli anni '70 inizia a collaborare con il complesso dei New Trolls, con il quale incide il noto album Concerto grosso nelle vesti di tastierista (dirige l'orchestra L. Enriquez Bacalov), pur non apparendo nelle note di copertina del disco.

Successivamente sempre con i New Trolls, prende parte al tour e alle sedute in sala di registrazione di singoli brani ("Una storia") e album ("Searching For a Land", "Ut") nelle vesti sia di tastierista (pianoforte, organo Hammond) che di coautore delle musiche.

Nel periodo di sfaldamento della band, intorno alla metà degli anni '70 partecipa come musicista e autore nella formazione denominata Ibis (una vera e propria "costola" dei New Trolls, che annovera tra i suoi componenti anche Nico Di palo e Frank Laugelli oltre all'ex Atomic Rooster Rick Parnell). Inizialmente l'ensemble sfrutta esclusivamente i nomi anagrafici dei suoi componenti ("Nico, Gianni, Frank, Maurizio") pubblicando l'album Canti d'innocenza, canti d'esperienza. Con la medesima formazione, dopo aver adottato il nome "Ibis" (unica variante, la sostituzione del batterista Gianni Belleno con Rick Parnell) incide "Sun supreme" per poi abbandonare la band durante le fasi di registrazione del successivo album omonimo (Ibis) nel quale, in ogni caso, figura come coautore di un brano. Parallelamente, insieme ai componenti degli Ibis, prende parte al progetto parallelo Tritons, un ensemble che ripropone cover di Rolling Stones e altri complessi, opportunamente ri-arrangiate. Dopo queste esperienze, Maurizio Salvi abbandona l'attività di musicista rock per dedicarsi nuovamente ed esclusivamente alla sua carriera di musicista classico.

Fra le sue tournée come direttore d'orchestra, quella del 1981 in Israele e nel 1986 in Cina, con la collaborazione di Pavarotti. Nel 1981 ha costituito la "Ensemble orchestra" ed il coro polifonico di voci bianche "Harmonia".

Alle soglie del 2000, insieme a Vittorio De Scalzi, e con una formazione denominata "Vittorio De Scalzi - La Storia dei New Trolls", riprende la sua attività di musicista rock, coniugandola stavolta a quella di direttore d'orchestra. Incide un album ("Concerto Grosso Live") e partecipa ad una serie di fortunati tour all'estero (Giappone, Corea) nella doppia veste di tastierista e direttore d'orchestra. Dopo aver militato per alcuni anni in questa nuova formazione "costola" dei New Trolls, se ne separa nuovamente per rifondare gli Ibis con una nuova formazione ribattezzata "Ibis Prog Machine". La band incide un nuovo brano, insieme ad una moderna versione (ma con testo in inglese) del brano "Chi mi può capire", già nel repertorio dei New Trolls. Gli Ibis Prog Machine annunciano anche l'uscita di un nuovo album che però non ha ancora visto la luce, pare a causa di dissidi tra i nuovi membri del complesso.

Attualmente, e da parecchi anni, è maestro di coro del Conservatorio "N. Paganini di Genova".

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie