Matteo Gattaponi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Matteo di Giovannello Gattaponi (Gubbio, 1300 circa – Gubbio, 1383) è stato un architetto italiano. È passato alla storia come uno dei più importanti architetti del trecento italiano, anche se documenti degli anni 1349-50 lo definiscono mensurator, geumetra, e altri del 1363-69, durante la costruzione della Rocca Albornoziana di Spoleto, lo definiscono soprintendente, fattore[1]. È conosciuto anche, secondo le diverse fonti, come Matteo di Giovannello, Matteo Giovannelli, Matteo Gattaponi, o anche, semplicemente, come il Gattapone.

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

Il suo nome è legato a importanti edifici civili e militari del Trecento italiano. Le opere più impegnative furono:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Silvestro Nessi, Matteo Gattapone e la Rocca di Spoleto, in Nuovi documenti sulle arti a Spoleto: architettura e scultura tra Romanico e Barocco, Spoleto, Banca Popolare di Spoleto, 1992, p. 81.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]