Mark Salling

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mark Salling

Mark Wayne Salling (Dallas, 17 agosto 1982Los Angeles, 30 gennaio 2018) è stato un attore, musicista e cantante statunitense, noto principalmente per il ruolo di Noah Puckerman nella serie televisiva Glee.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato e cresciuto a Dallas, in Texas, si diploma nel 2001 alla Lake Highlands High School, successivamente studia musica alla Los Angeles Music Academy College of Music di Pasadena. Debutta come attore a soli quattordici anni nel film Inferno a Grand Island, in seguito appare in un episodio di Walker Texas Ranger.

Appassionato fin da piccolo alla musica, suonava la chitarra, il pianoforte, il basso, la batteria e la fisarmonica. Nel 2007 ha pubblicato il suo album di debutto, Smoke Signals, sotto lo pseudonimo Jericho. L'album è stato distribuito tramite iTunes e contiene una cover di Sweet Caroline di Neil Diamond. Salling è autore di tutte le sue canzoni, che spaziano dall'indie rock al rock alternativo, ispirandosi ai suoi idoli Thom Yorke e Trent Reznor,[1] Salling propone una musica che abbraccia diversi generi, dal country al jazz fino al pop rock.

Nel 2009, dopo diversi provini, ottiene il ruolo Noah "Puck" Puckerman nella serie televisiva della Fox Glee.

È deceduto il 30 gennaio 2018, all'età di 35 anni, per un apparente suicidio.[2]

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Salling è stato accusato nel 2013 dall'ex ragazza, Roxanne Gorzela, che ha dichiarato di essere stata forzata ad avere rapporti sessuali non protetti.[3][4][5] L'attore ha negato le accuse e ha presentato una controquerela per diffamazione.[6] In seguito a un accordo da quasi 3 milioni di dollari, la donna ha ritirato la denuncia di violenza e l'attore si è dichiarato colpevole di averla fatta cadere e averle provocato delle ferite "per negligenza".[7]

Il 29 dicembre 2015 è stato arrestato per possesso di materiale pedo-pornografico[8]. All'interno del suo computer erano state trovate cinquantamila fotografie di minorenni. Il 5 ottobre 2017 si è dichiarato colpevole per il reato e aveva stretto un accordo legale che prevedeva la sua presenza nei registri di chi ha compiuto reati di tipo sessuale. Salling doveva sottoporsi a un programma di riabilitazione e gli era stato vietato ogni contatto con chiunque avesse un'età inferiore ai 18 anni. Doveva inoltre mantenersi a distanza dai luoghi frequentati da minori. L'attore era in attesa della sentenza, che sarebbe arrivata il 7 marzo: rischiava tra i quattro e i sette anni di prigione, con le attenuanti dovute al patteggiamento.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Smoke Signals2007 (come Jericho)
  • Pipe Dreams2010

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

  • Andrea Mete in: Glee, Glee: The 3D Concert Movie
  • Francesco Cavuoto in: The Graveyard

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mark Salling Bio Archiviato il 3 novembre 2009 in Internet Archive. marksallingmusic.com URL consultato il 15-11-2009
  2. ^ (EN) Addio a Mark Salling, ex star della serie Glee, movieplayer.it. URL consultato il 30 gennaio 2018.
  3. ^ Mark Salling Sexual Battery: 'Glee' Star Sued By Ex-Girlfriend, su The Huffington Post, 19 gennaio 2013. URL consultato il 29 dicembre 2015.
  4. ^ 'Glee' Star Sued For Alleged Sexual Assault, su Wonderwall.com. URL consultato il 29 dicembre 2015 (archiviato dall'url originale il 5 giugno 2013).
  5. ^ Sadie Gennis, Mark Salling Sued by Ex-Girlfriend for Sexual Battery, su TVGuide.com, 19 gennaio 2013. URL consultato il 29 dicembre 2015.
  6. ^ Mark Salling: There Is ‘No Truth’ to Sexual Battery Lawsuit, su Yahoo Celebrity, 19 gennaio 2013. URL consultato il 29 dicembre 2015.
  7. ^ Mark Salling di Glee rischia una condanna a 20 anni di prigione, su MondoFOX, 1º giugno 2016. URL consultato l'8 ottobre 2016.
  8. ^ Glee, Mark Salling accusato di pedopornografia: licenziato, su TVZap, 1º giugno 2016. URL consultato l'8 ottobre 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN103002239 · ISNI (EN0000 0000 7319 2999 · LCCN (ENno2009176883