Mark Ashton

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mark Ashton nel 1986

Mark Christian Ashton (Oldham, 19 maggio 1960Southwark, 11 febbraio 1987) è stato un attivista e politico britannico, segretario della sezione giovanile del Partito Comunista di Gran Bretagna[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ashton nacque a Oldham. Studiò alla Northern Ireland Hotel and Catering College a Portrush (Contea di Antrim), nell'Irlanda del Nord,[2][3] prima di trasferirsi a Londra verso la fine degli anni settanta ed essere assunto come barman e come drag queen nei club per gentiluomini della città.[4] Nel 1982 rimase per tre mesi nel Bangladesh a visitare i suoi parenti, poiché suo padre stava lavorando nel campo delle macchine tessili. L'esperienza del suo soggiorno lo influenzò profondamente.[5]

Al suo ritorno si unì volontariamente alla London Lesbian and Gay Switchboard, il più vecchio servizio di telefono amico LGBT londinese, supportò la campagna per il disarmo nucleare[3] e si unì alla Lega dei Giovani Comunisti, la sezione giovanile del Partito Comunista di Gran Bretagna.[1] Nel 1983 entrò a far parte del film Framed Youth: The Revenge of the Teenage Perverts, un documentario che l'anno seguente vinse il Grierson Award come miglior documentario.

Assieme al suo amico Mike Jackson fondò il gruppo di supporto Lesbians and Gays Support the Miners, dopo aver raccolto donazioni per i minatori in sciopero durante il gay pride di Londra del 1984. Dopo l'esperienza con LGSM, entrò a far parte del collettivo Red Wedge[4] e divenne il segretario generale della Lega dei Giovani Comunisti dal 1985 fino alla sua morte. Ad Ashton fu diagnosticata l'AIDS presso il Guy's Hospital il 30 gennaio 1987 e morì dodici giorni dopo per pneumocistosi.[6] È sepolto presso il Lambeth Cemetery.[7][8]

Memoria[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Kelliher, 2014.
  2. ^ Doward, 2014.
  3. ^ a b Birch, 2007.
  4. ^ a b Coles, 2014.
  5. ^ a b Birch, 1994.
  6. ^ Robinson, 2007.
  7. ^ Frost, 2014.
  8. ^ Taylor, Keay, 2006.
  9. ^ HIV Quilt Comes Out in May, George House Trust, 21 febbraio 2007 (archiviato dall'url originale il 21 giugno 2008).
  10. ^ Hooper, 2003.
  11. ^ Andy Kellman, Review: Red, AllMusic.
  12. ^ Warwick, Kutner, Brown, 2004.
  13. ^ Murray, 1998.
  14. ^ Kellaway, 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]