Mara (nome)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Maretta)
Jump to navigation Jump to search

Mara è un nome proprio di persona italiano femminile[1][2].

Varianti[modifica | modifica wikitesto]

Varianti in altre lingue[modifica | modifica wikitesto]

Origine e diffusione[modifica | modifica wikitesto]

Noemi con Rut e Orpa in un dipinto di Philip Hermogenes Calderon

Deriva dall'ebraico מָרָא (mara, marah), che vuol dire "amaro"[6][7], e in senso lato "amarezza", "tristezza", "infelicità"[2][5] o "amareggiato", "infelice"[1]. Si tratta di un nome biblico: è infatti così che chiese di farsi chiamare Noemi (nome che significa "gioia"), dopo la morte del marito Elimelech e dei figli[1][2][6][7]. Nel passo biblico, Noemi esclama:

« Non mi chiamate Noemi, chiamatemi Mara, perché l'Onnipotente mi ha tanto amareggiata! Io ero partita piena e il Signore mi fa tornare vuota. Perché chiamarmi Noemi, quando il Signore si è dichiarato contro di me e l'Onnipotente mi ha resa infelice? »   ( rt 1:20-21, su laparola.net.)

Sempre nella Bibbia, è anche il nome di una fonte le cui acque amarissime vengono purificate da Mosè (Es15:22-25[8])[7].

Attestato soprattutto nel Nord Italia e in Toscana, deve la sua diffusione soprattutto alla raccolta di poesie di Ada Negri del 1919 Il libro di Mara[1][2], e al nome della protagonista del romanzo di Carlo Cassola del 1960 La ragazza di Bube. È usato pressoché solo al femminile, anche se sono attestate rarissime forme maschili[2][3].

Va inoltre notato che, in croato, serbo e ungherese, Mara è una variante del nome Maria[9].

Onomastico[modifica | modifica wikitesto]

Il nome è adespota, ovvero non esiste una santa che lo porti. L'onomastico ricade quindi il 1º novembre, giorno di Ognissanti.

Persone[modifica | modifica wikitesto]

Varianti[modifica | modifica wikitesto]

Il nome nelle arti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Galgani, p. 355.
  2. ^ a b c d e f La Stella T., p. 235.
  3. ^ a b c d e La Stella T., p. 236.
  4. ^ Galgani, p. 356.
  5. ^ a b c d e Albaigès i Olivart, p. 170.
  6. ^ a b c (EN) Mara (1), su Behind the Name. URL consultato l'8 luglio 2014.
  7. ^ a b c Norman, p. 76.
  8. ^ Es 15:22-25, su laparola.net.
  9. ^ (EN) Mara (2), su Behind the Name. URL consultato l'8 luglio 2015.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Antroponimi Portale Antroponimi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di antroponimi