Marco Boglione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marco Boglione

Marco Boglione (Torino, 9 maggio 1956) è un imprenditore italiano, fondatore e presidente della BasicNet[1], azienda proprietaria dei marchi Kappa[2], Robe di Kappa[3], K-Way[4], Superga[5], Jesus Jeans[6], Sabelt, Lanzera e della licenza mondiale esclusiva del marchio Briko.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Copertina libro Piano piano che ho fretta. Imprenditore è bello! di Marco Boglione e Adriano Moraglio (BasicEdizioni 2009)

Diplomatosi nel 1974 all'Istituto Filippin di Paderno del Grappa, Marco Boglione comincia gli studi in ingegneria presso il Politecnico di Torino. Nel 1975 abbandona gli studi e ottiene un lavoro come copywriter in una piccola agenzia pubblicitaria. Sei mesi dopo è assunto al Maglificio Calzificio Torinese SpA come assistente dell'amministratore delegato. All'età di 25 anni è nominato direttore commerciale e marketing.

A seguito di tale esperienza fonda con Luciano Antonino la Football Sport Merchandise, una delle prime aziende in Europa a produrre e commercializzare, su licenza, abbigliamento e accessori con i marchi e i colori sociali delle principali squadre di calcio.

Nel 1995 acquista il Maglificio Calzificio Torinese[7] (azienda per cui aveva precedentemente lavorato, proprietaria dei marchi Kappa, Robe di Kappa e Jesus Jeans), che si aggiudica all'asta fallimentare del 28 ottobre 1994[8]. Costituisce così la BasicNet[9], diventandone anche il presidente. Nel 1999 BasicNet viene quotata alla Borsa Italiana. Nel 2004 la holding diventa proprietaria del marchio K-Way e, nel 2007, anche del brand Superga, di cui era già licenziatario mondiale.

Nel 2009 Marco Boglione e Adriano Moraglio hanno scritto il libro Piano piano che ho fretta. Imprenditore è bello! (BasicEdizioni), tradotto l'anno dopo in inglese con il titolo Slowly please, I'm in a hurry. Entrepreneur is cool!.

Nel 2010 al portafoglio marchi del gruppo si è aggiunto AnziBesson, che il 22 dicembre 2016 è stato nuovamente ceduto alla famiglia Besson a seguito della decisione di BasicNet di concentrare sul marchio Kappa tutte le collezioni dedicate agli sport invernali[10].

Il 3 ottobre 2011 nel portafoglio marchi è entrato anche il brand di calzature Sabelt, mentre nel marzo 2016 BasicNet è diventato licenziatario mondiale esclusivo del marchio Briko (accessori per lo sci, il cycling e il running).

Marco Boglione ha ricoperto diverse cariche istituzionali: dal 1995 è membro del Consiglio per le Relazioni fra Italia e Stati Uniti. Dal 2000 all'aprile 2006 è stato presidente della Film Commission Torino Piemonte (soci fondatori: Comune di Torino e Regione Piemonte)[11]. Dal 13 novembre 2000 al 2006 ha assunto la presidenza del Comitato di Consultazione della Facoltà di Architettura[12]. In seguito ne ha ricoperto la carica di consigliere (fino al settembre 2007). Dal gennaio 2003 al gennaio 2006 è stato presidente di ITP (Agenzia per gli Investimenti a Torino e in Piemonte)[13]. Dal marzo 2003 è membro del Comitato Locale di Torino-Canavese di UniCredito Italiano S.p.A. Dall'aprile 2005 è membro del Consiglio di Amministrazione della Fondazione Piemontese per la Ricerca sul Cancro[14]. Nel luglio 2010 viene eletto componente del Consiglio Direttivo dell'Unione Industriale di Torino[15] per il biennio 2010-2012[16][17] e nel 2011 diventa Presidente della Fondazione Piemontese per l'Oncologia. Il 2 giugno dello stesso anno il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, lo nomina Cavaliere del lavoro.[18] Nel giugno 2014 entra nel consiglio Direttivo del Gruppo Piemontese Cavalieri del Lavoro e a luglio dello stesso anno è nominato consigliere di amministrazione della Fondazione Telecom Italia.[19] Nel maggio 2016, a Montecitorio, viene insignito del Premio Guido Carli per le eccellenze italiane.[20]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Il 24 novembre 2010 Marco Boglione si è aggiudicato in un'asta uno dei pochissimi Apple I ancora in circolazione per 157.245 euro[21][22][23].

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere del lavoro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere del lavoro
— 2011[18]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il Sole 24 ORE.com - Casi di Net Economy - BasicNet
  2. ^ ROBE DI KAPPA - Il Sole 24 ORE
  3. ^ http://mario.soavi.com/SW070221.pdf
  4. ^ » Riposizionare un marchio
  5. ^ A Basicnet il marchio Superga per 23 milioni di euro
  6. ^ "Dopo Superga, ora rilancio anche Jesus Jeans"- LASTAMPA.it
  7. ^ TORINO, I NODI ORA STRINGONO DUE BIG TESSILI - Repubblica.it » Ricerca
  8. ^ Basic Merchandise Affitta Robe Di Kappa
  9. ^ http://www.shopinthecity.it/User/index.php?PAGE=Sito_it/articolo&arti_id=21&sezi_id=2
  10. ^ basicpress.com, su www.basicpress.com. URL consultato il 10 gennaio 2017.
  11. ^ Torino vuole una lotteria da abbinare a «Film Festival»
  12. ^ http://wwwold.to.archiworld.it/news/oat04/oat06.pdf
  13. ^ http://www.regione.piemonte.it/pressway/dwd/piedmont5_05/02.pdf
  14. ^ http://www.fprconlus.it/FPRC/doc/fprc-presid-bilsoc2006.pdf
  15. ^ Gli industriali ai politici: basta liti - Repubblica.it » Ricerca
  16. ^ http://issuu.com/interni/docs/interni_606_2 (pagina 30)
  17. ^ Boglione parte dalla Cina alla conquista del mondo - Repubblica.it » Ricerca
  18. ^ a b Sito Federazione nazionale Cavalieri del lavoro: dettaglio decorato.
  19. ^ Fondazione Telecom Italia ha un nuovo Presidente | Fondazione TIM, su www.fondazionetim.it. URL consultato il 21 ottobre 2016.
  20. ^ Associazione Guido e Maria Carli - Settima Edizione, su www.associazioneguidocarli.it. URL consultato il 20 ottobre 2016.
  21. ^ Un italiano si aggiudica l'Apple 1 per 158mila euro e ci spiega perché - Il Sole 24 ORE
  22. ^ Apple I all'asta da Christie's: lo compra il patron italiano di Robe di Kappa e Superga | ITespresso.it
  23. ^ Nel cuore di Torino pulsa la K-Way Gallery: omaggio alla rivoluzione tecnologica - SlideToMac Blog

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie