Jesus Jeans

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jesus Jeans
StatoItalia Italia
Fondazione1971
GruppoBasicNet
ProdottiAbbigliamento casual e jeanseria

Jesus Jeans è il primo marchio italiano di jeans, prodotto a partire dal 1971 dal Maglificio Calzificio Torinese (MCT) e dal 1994 nel gruppo BasicNet.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il marchio fu protagonista di quello che viene considerato uno degli eventi più importanti della storia italiana della pubblicità: la campagna fu affidata a Michael Goettsche e Emanuele Pirella, che coniarono slogan come "non avrai altro jeans all'infuori di me", a commento di un'immagine raffigurante un personaggio dal sesso dubbio a petto nudo e con i jeans sbottonati al limite dei peli pubici e l'ancor più celebre "chi mi ama mi segua", a commentare le natiche semicoperte della modella Donna Jordan, in una celebre foto di Oliviero Toscani.

Lo spot fece il giro d'Italia e accese molte polemiche; in particolare si ricorda l'articolo di Pier Paolo Pasolini pubblicato il 17 maggio del 1973 sul Corriere della sera col titolo Il folle slogan dei jeans Jesus, poi ripubblicato in Scritti corsari col nuovo titolo Analisi linguistica di uno slogan. Nel 2008, Oliviero Toscani ha deciso di riproporlo, lievemente modificato, per la campagna pubblicitaria del quotidiano L'Unità.

Alla fine degli anni ottanta, dopo la morte di Maurizio Vitale, la produzione della "Jesus" viene a cessare per decisione dell'azienda madre MCT che, nel gennaio 1994, dichiara a sua volta fallimento.

Nell'ottobre 1994 le proprietà aziendali del Maglificio Calzificio Torinese, vengono messe all'asta e acquisite, per la cifra di 21 miliardi di lire, dall'imprenditore Marco Boglione che diviene così proprietario anche dei marchi Jesus Jeans, Kappa e Robe di Kappa, con cui fonda il gruppo BasicNet.

Il 25 dicembre 2000, Boglione rifonda ufficialmente la Jesus Jeans e ne mantiene inizialmente un'attività commerciale di nicchia fino al 2011, quando il marchio viene rilanciato sul mercato con una sfilata a Palazzo Pitti di Firenze.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]