María Caridad Colón

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
María Caridad Colón
Nome María Caridad Colón Rueñes-Salazar
Nazionalità Cuba Cuba
Altezza 169 cm
Peso 66 kg
Atletica leggera Athletics pictogram.svg
Specialità Tiro del giavellotto
Record
Giavellotto 70,14 m (1986)
Ritirata 1988
Carriera
Nazionale
1979-1987 Cuba Cuba
Palmarès
Giochi olimpici 1 0 0
Giochi panamericani 2 1 0
Per maggiori dettagli vedi qui
 

María Caridad Colón Rueñes-Salazar (Baracoa, 25 marzo 1958) è un'ex atleta cubana, specialista nel tiro del giavellotto, che a Mosca 1980 divenne la prima donna latinoamericana a vincere una medaglia d'oro ai Giochi olimpici[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ai Giochi della XXII Olimpiade vinse un po' a sorpresa l'oro nel tiro del giavellotto ottenendo un risultato migliore della russa Saida Gunba (medaglia d'argento) e della tedesca Ute Hommola, e approfittando della cattiva giornata della favorita Ruth Fuchs e della primatista del mondo Tatyana Biryulina, che terminarono rispettivamente solo ottava e sesta.[2]

In carriera vinse anche 2 ori e un argento in tre edizioni dei Giochi panamericani (dal 1979 al 1987), e tre ori ai Giochi centramericani e caraibici.

Progressione[modifica | modifica wikitesto]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Anno Manifestazione Sede Evento Risultato Misura Note
1979 Giochi panamericani Porto Rico San Juan Tiro del giavellotto Oro Oro 62,30 m Record dei Giochi
1980 Giochi olimpici URSS Mosca Tiro del giavellotto Oro Oro 68,40 m Record olimpico
1983 Mondiali Finlandia Helsinki Tiro del giavellotto 62,04 m
Giochi panamericani Venezuela Caracas Tiro del giavellotto Oro Oro 63,76 m Record dei Giochi
1987 Giochi panamericani Stati Uniti Indianapolis Tiro del giavellotto Argento Argento 61,66 m

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Paula J. Pettavino, Geralyn Pye, Sport in Cuba: The Diamond in the Rough, University of Pittsburgh Pre, 1994, p. 139, ISBN 0822974592.
  2. ^ (EN) tiro del giavellotto : olimpiadi 1980, Sports-reference.com. URL consultato il 7 novembre 2011.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]