Mai storie d'amore in cucina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mai storie d'amore in cucina
PaeseItalia, Spagna, Germania
Anno2004
Formatominiserie TV
Generecommedia romantica
Puntate2
Durata190 min (totale)
Lingua originalecatalano, italiano
Crediti
RegiaGiorgio Capitani, Fabio Jephcott
SoggettoCarla Giulia Casalini
SceneggiaturaCarla Giulia Casalini, Giorgio Mariuzzo
Interpreti e personaggi
FotografiaLuigi Kuveiller<, Claudio Sabatini
MontaggioAntonio Siciliano
MusicheNatale Massara
ScenografiaBello Torres
CostumiMarina Maruccia, Nùria Anglada
ProduttoreAdriano e Gugliermo Ariè
Produttore esecutivoMiguel Angel Gonzales
Casa di produzioneSolaris Cinematografica, Rai Fiction, ICC Institut del Cinema Català, Bavaria Film
Prima visione
Dal9 maggio 2004
Al10 maggio 2004
Rete televisivaRai 1

Mai storie d'amore in cucina è una miniserie televisiva con protagonisti Gigi Proietti e Stefania Sandrelli[1].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

L'attrice protagonista Bianca Guaccero interpreta Evelina, un'aspirante chef, mentre Gigi Proietti e Stefania Sandrelli interpretano i genitori di Evelina[2].

Il formato originario è quello della miniserie televisiva composta da 2 puntate; in questo formato, la fiction venne trasmessa in prima visione TV il 9 e il 10 maggio 2004 in prima serata su Rai 1[3]. In seguito, la rete ammiraglia della Rai ha proposto una versione ridotta in formato film tv, cioè in un'unica puntata.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Una giovane ragazza si reca a Barcellona e compie degli stage in un luogo dove conosce un grande cuoco. Grazie a sorti favorevoli riesce a conoscerlo e a farla diventare chef in un ristorante anche se prima era un garage.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rai International, su international.rai.it. URL consultato il 9 dicembre 2009 (archiviato dall'url originale il 16 giugno 2008).
  2. ^ Gli ingredienti giusti per una fiction brillante, Rai International. URL consultato il 9 dicembre 2009 (archiviato dall'url originale il 24 maggio 2006).
  3. ^ Teche Rai, su teche.rai.it. URL consultato il 9 dicembre 2009 (archiviato dall'url originale il 19 luglio 2014).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione