Macario II

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Macario II
vescovo della Chiesa ortodossa
Metropolitan of Moscow Makariy Nevskiy.jpg
 
TitoloVescovo metropolita di Mosca
 
NatoŠapkino, 1º ottobre 1835
Ordinato presbitero11 marzo 1861
Consacrato vescovo12 febbraio 1884
DecedutoKotel'niki, 2 marzo 1926
 
San Macario II
Митрополит Московский и Коломенский Макарий (Невский).jpg
 

Metropolita di Mosca

 
NascitaŠapkino, 1º ottobre 1835
MorteKotel'niki, 2 marzo 1926
Venerato daChiesa ortodossa russa
Canonizzazione2000

Macario II, al secolo Michail Andreevič Nevskij (in russo: Михаи́л Андре́евич Не́вский?) (Šapkino, 1º ottobre 1835Kotel'niki, 2 marzo 1926), fu, dal 25 novembre 1912 al 20 marzo 1917, giorno in cui rinunciò alla carica, l'ultimo metropolita di Mosca prima della restaurazione del patriarcato. È venerato come santo dalla Chiesa ortodossa russa.

In Russia è ricordato anche con l'appellativo di "Apostolo degli Altaj (in russo: Aпостол Алтая?).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque nel 1835 a Šapkino. Sostenuto dal padre, sagrestano, nel 1854 entrò nel seminario di Tobol'sk e partecipò alla missione del Santo Sinodo russo di conversione della regione degli Altaj.

Nel 1861 fu ordinato monaco. Da allora fino al 1864 lavorò al monastero di Ĉulijŝmanskij. Tra il 1868 e il 1869 studiò la lingua altai e pubblicò dei libri in questo idioma. Nel 1883 fu prima nominato capo della missione di evangelizzazione degli Altaj e poi vescovo di Bijsk. Nel 1891 divenne vescovo di Tomsk, ruolo che ricoprì fino al 1912.

Vescovo metropolita di Mosca[modifica | modifica wikitesto]

Il 25 novembre 1912 fu eletto dal Santo Sinodo russo Vescovo metropolita di Mosca. Nel 1913 divenne membro dell'Accademia di San Pietroburgo.

Si dimise il 20 marzo 1917, spianando la strada per l'elezione del Patriarca Tichon, e si ritirò nel monastero di Nikolo-Ugrežsky.

Dopo il ritiro[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1920 fu nominato da Tichon Metropolita degli Altaj. Morì il 2 marzo 1926 a 90 anni. Il suo corpo, inizialmente sepolto a Kotel'niki, fu traslato, secondo alcuni ancora incorrotto, nel monastero della Trinità di San Sergio a Sergiev Posad.

Nel 2000 fu canonizzato da Alessio II.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]