Luigi Gozzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo patriota, vedi Luigi Gozzi (patriota).

Luigi Gozzi (Bologna, 2 luglio 1935Bologna, 21 settembre 2008) è stato un drammaturgo, docente e regista italiano.

Biografia e teatro[modifica | modifica wikitesto]

Luigi Gozzi è stato un drammaturgo e regista teatrale italiano. [1] Appassionato di classici della drammaturgia, molto attento al lavoro dell'attore, fu inizialmente vicino al Gruppo '63 [2], per poi passare, nel corso degli anni '70, a un teatro di pura sperimentazione, fino all'incontro, in anni più recenti, tra palcoscenico ed elettronica. Formatosi alla rigorosa scuola di Luciano Anceschi, Gozzi svolse per diverso tempo attività di assistenza alla cattedra di Istituzioni di Regia del DAMS di Bologna, con Luigi Squarzina. Fu poi docente, sempre presso la sede emiliana del DAMS, di Metodologia e Critica dello Spettacolo. Dopo aver esercitato il proprio spirito di regista drammaturgo con L'Anitra selvatica, il Cyrano, la Calandria, fonda a Bologna, nel 1973, il Teatro delle Moline, un luogo che accompagnò per molti anni le sue ricerche sceniche. Tra i primi spettacoli andati in scena, il Malato immaginario e l'Otello, dove più marcatamente mostra la propria consapevolezza di autore teatrale. Alcuni dei successivi lavori nacquero in stretto contatto con la compagna d'arte e di vita, Marinella Manicardi. Dopo l'esperienza di teatro psicoanalitico, di Freud e il caso di Dora e La doppia vita di Anna O. elabora nello "stanzone" delle Moline il progetto drammaturgico TRE, e chiama Marcello Fois, Carlo Lucarelli e Mario Giorgi a cimentarsi con esso. A proposito dell'attività di Luigi Gozzi come regista, scrive Marinella Manicardi[3]: "Quando si va in piedi (si comincia cioè ad agire in scena) Luigi fornisce di solito le geometrie di base: spostamenti, direzioni, stasi, entrate, uscite, velocità di passaggi, incroci o no di traiettorie. Non vengono mai fornite indicazioni sui gesti (a meno che non siano battute silenziose) perché, se il disegno complessivo dello spettacolo è chiaro, il corpo dell'attore (compresa la voce) ha già indicazioni sufficienti per dar forma alla propria presenza." Progressivamente, gli interessi di Gozzi di concentrano sempre più sulla drammaturgia, e le regie degli spettacoli sono sempre più spesso curate da Marinella Manicardi. L'ultima sua opera teatrale, il Morandi, è una biografia del pittore, rappresentato per assenza, attraverso lo specchio delle sorelle.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • La doppia vita di Anna O., Freud e il caso di Dora, Luigi Gozzi, Thema editore, 1991
  • Binomio, di Luigi Gozzi, Clueb, 2000. ISBN 8849114249
  • L'attentato, di Luigi Gozzi, Marinella Manicardi. Clueb, 2004. ISBN 9788849122077
  • Autostrada, di Luigi Gozzi, Marcelo Fois, Carlo Lucarelli, Clueb, 2006. ISBN 9788849127676

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Francesca Parisini, Gozzi, l'artista che portò Freud a teatro, La Repubblica, 22 settembre 2008
  2. ^ , Daniela Morandini, In memoria di Luigi Gozzi, Stampa Alternativa, 16 ottobre 2008
  3. ^ , Marinella Manicardi, Attraversare il Teatro. Scritture per Luigi Gozzi, Parol. Quaderni d'Arte e di Epistemologia, n.14 1998
Controllo di autoritàVIAF: (EN24912299 · ISNI: (EN0000 0001 2022 6021 · BNF: (FRcb15538951n (data)