Luigi Agretti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Luigi Agretti (La Spezia, 16 agosto 1877La Spezia, 17 novembre 1937) è stato un pittore e decoratore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

La biglietteria della stazione di
La Spezia Centrale

I primi insegnamenti, gli furono impartiti dal padre, Cesare, valido pittore e decoratore stabilitosi a Spezia dalla natia Perugia.

All'età di quindici anni, nel 1891, si reca in provincia di Perugia, a Monte Castello di Vibio dove esegue il suo primo lavoro solitario: la decorazione del Teatro della Concordia (restaurato nel 1993 e tutt'oggi attivo), considerato il teatro più piccolo del mondo, con appena 99 posti tra palchi e platea.

A Genova, nel 1895, vince un premio dedicato ai giovani artisti e si reca a Roma dove frequenta l'Accademia delle belle arti e contemporaneamente lavora per i suoi maestri Bruschi e Brugnoli, coadiuvandoli in molti lavori a Roma, a Firenze, Perugia, Cagliari e Palestrina.

All'età di ventitré anni e grazie alle numerose opere di rilievo realizzate in città, l'Accademia di belle arti perugina lo nomina "accademico di merito" e gli offre la cattedra per l'insegnamento del nudo e per l'anatomia pittorica. Cattedra che tuttavia rifiuta per non lasciare la sua città e i suoi affetti.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa di Santa Maria Assunta, La Spezia

Tutte le sue opere, sia ad olio che a fresco, rivelano un meticoloso studio di particolari, con estrema accuratezza nel disegno e molta originalità. Trattò soggetti e oggetti sia sacri che profani, la storia e la mitologia.

Affreschi[modifica | modifica wikitesto]

Tele[modifica | modifica wikitesto]

  • Mater Amabilis (ritratto della madre)
  • Le quattro stagioni
  • Le nozze di Cana
  • Caterina de' Medici e La Spezia
  • la Madonna in Egitto.

Altro[modifica | modifica wikitesto]

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]