Luciano Mattia Cannito

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Luciano Mattia Cannito (Isola del Liri, 29 marzo 1962) è un coreografo e regista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

I lavori di Luciano Cannito sono stati rappresentati in numerosi teatri del mondo, inclusi il Metropolitan di New York, il Teatro alla Scala di Milano, il Teatro San Carlo di Napoli, l'Orange County Performing Arts Center di Los Angeles, il Place des Artes di Montréal, il Teatro dell'Opera di Roma, il Grand Theatre de Bordeaux, Tulsa Ballet, il Teatro dell'Opera di Tel Aviv, il Teatro Nazionale dell'Estonia, il Festival Roma Europa, il Teatro dell'Opera di Nizza. Tra le creazioni realizzate da Luciano Cannito: Franca Florio, regina di Palermo, Marco Polo, Cassandra, Amarcord, Five Seasons, Mare Nostrum, Barbie's World, Dal Faust di Goethe, Viva Verdi[1], Carmen.[2]

È stato Direttore Artistico del Balletto di Napoli, del Balletto di Roma, dal 1998 al 2002 del Teatro San Carlo di Napoli, dal 2005 al 2013 del Teatro Massimo di Palermo. Ha firmato regie di prosa, opera e musical e nel 2004 ha realizzato il suo primo film per il cinema, dal titolo “La lettera”, prodotto da Zeal e distribuito da Sky e Minerva Pictures International. Ha in preparazione il suo secondo film dal titolo “Le Menzogne della Notte”, prodotto da Three Rivers Films (Regno Unito), Classic (Italia) e Blue Eyes (Germania).

Nel 2012 ha firmato per il Teatro Massimo di Palermo la regia delle opere di Ravel "L'Enfant et Les Sortileges" e "L'Heure Espagnole" con scene e costumi del celebre vignettista ALTAN.[3] Dal 2010 ricopre la cattedra di Danza Classica e Neoclassica nella scuola televisiva Amici di Maria De Filippi. Nel giugno 2013 però lascia la trasmissione.[4] Nel 2013 è stato nominato Vice Presidente della Commissione Lirica della SIAE.

È inoltre Direttore Artistico del Concorso Internazionale di Danza SICILIA IN e cofondatore e Direttore Artistico della Compagnia di Danza DCE DANZITALIA. È legato sentimentalmente alla ballerina e conduttrice Rossella Brescia[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàSBN IT\ICCU\NAPV\075756