Loulou de Montmartre

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Loulou de Montmartre
serie TV cartone
Loulou.png
Loulou
Lingua orig. francese
Paese Francia
Autori François Boublil, Jean Helpert
Regia Giuseppe Laganà, Patrick Claeys
Char. design Daniel Cacouault, Sidney Kombo
Musiche Olivier Lilliboutry
Studio The Animation Band, Pictor Media, Rai Fiction, France 3
Rete France 3
1ª TV 8 marzo 2008
Episodi 26 (completa)
Durata ep. 24 min
Reti it. Rai Due, Rai Gulp
1ª TV it. 4 agosto 2009
Episodi it. 26 (completa)
Durata ep. it. 24 min
Generi drammatico, storico, sentimentale

Loulou de Montmartre è una serie televisiva a disegni animati in ventisei episodi di ventiquattro minuti ciascuno, prodotta da Pictor Media, The Animation Band, con la partecipazione di France 3 e Rai Fiction.

La serie è stata trasmessa in Francia da France 3 a partire dall'8 marzo 2008 e in Italia da Rai 2 nel 2009.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

In una terribile notte d'inverno del 1887, una donna fugge disperata per la città di Parigi da qualcuno che la sta inseguendo. Con sé ha Loulou, una bambina ancora in fasce, e temendo per la vita di entrambe si rifugia in una chiesa dove affida la neonata al prete prima di scomparire per sempre nella notte.

Sono passati ormai dodici anni da quella terribile notte e Loulou ora è una graziosa ragazzina che vive con Léontine, una povera donna che abita una delle fatiscenti catapecchie costruite sulla collina di Montmartre, che da quando Padre Ménard le ha affidato la piccola, l'ha allevata e amata come una figlia.

Purtroppo "l'uomo dal bastone d'argento", che a suo tempo aveva ucciso il padre di Loulou e perseguitato la madre, si sta aggirando ancora nei paraggi di Montmartre per assecondare i loschi piani di urbanizzazione del Bertran de Boriobert, e Padre Ménard sente che la ragazzina potrebbe essere di nuovo in pericolo. Il parroco riesce ad iscrivere Loulou nel collegio della terribile Madame Trochu, nella speranza di nasconderla alla vista dei suoi nemici. Qui Loulou, orfana in una scuola di ragazze di buona famiglia, dovrà sopportare terribili umiliazioni, ma verrà in contatto per la prima volta con il mondo della danza, per la quale sembra che abbia un talento innato, forse trasmessole dalla madre perduta.

Alla fine della storia Loulou riuscirà a ricongiungersi con la madre e a ritrovare il padre che credeva morto, ma la serie ha un finale aperto: il padre è costretto a nascondersi accusato ingiustamente di omicidio e il perfido Bertran de Boriobert, che tutti credono morto, si è invece miracolosamente salvato e trama vendetta.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Lorraine De Lagny (Loulou)
Protagonista della serie. Sua madre, costretta a fuggire dalla Francia quando la bimba era ancora in fasce, l'aveva affidata a Padre Mènard che l'aveva cresciuta con l'aiuto di Léontine. Loulou vive la sua infanzia tranquillamente finché, per la sua sicurezza, Padre Mènard la manda nel collegio di Melle Trochu (signorina Trochu). Qui scopre il mondo della danza, che però le viene negato quando dopo la morte del sacerdote la perfida Trochu la manda a lavorare in una locanda. Grazie alla sua determinazione e all'aiuto dei suoi amici riuscirà a diventare una ballerina di Can-can al Moulin Rouge e a ritrovare i suoi genitori.
Gabriel Fiorelli (Gaby)
Migliore amico di Loulou, le sta sempre vicino e quando si sparge la voce che Loulou sia morta si sente in qualche modo responsabile di lei. Loulou gli vuole bene come ad un fratello e non si rende conto di cosa lui provi veramente per lei, fino a quando non vede la sua gelosia nei confronti di Charles che lo porta a sfidarlo a duello.
Fedora
Figlia di emigranti russi costretti a fuggire in Francia a causa della persecuzione degli ebrei, diventa subito grande amica della madre di Loulou, emigrante anch'essa, e assieme a lei diventa ballerina di Can-can al Moulin Rouge. È l'unica oltre alla duchessa de Lagny a sapere del matrimonio di sua madre con Gautier (era sua testimone di nozze) e una volta riconosciuta Loulou, la aiuterà a ritrovare la madre e il padre.
Charlotte
Migliore amica di Loulou, mentre tutte le compagne del collegio prendono in giro Loulou perché è orfana, Charlotte è l'unica che le vuole bene. Quando se ne va da Parigi, promette a Loulou che quando tornerà, sarà per applaudirla sul palco mentre danza.
Padre Ménard
Anziano prete che per volere della mamma di Loulou si è preso cura della bambina fin da quando era in fasce. Muore all'inizio del Novecento, a causa di un infarto.
Sofia Visconti
Figlia di emigranti italiani, diventa una ballerina al Moulin Rouge, dove incontra Gautier De Lagny e se ne innamora. Quando Gautier le chiede di sposarla lei acconsente, nonostante lo scandalo, visto che lei è una ballerina di Can-can e lui è un conte. Dopo aver celebrato il matrimonio in gran segreto a causa della contrarietà della famiglia di lui, nasce la piccola Loulou. Purtroppo per le macchinazioni di Bertran de Boriobert, Sofia è costretta ad abbandonare Loulou e a fuggire dalla Francia dopo aver creduto morto il marito. Riparata negli Stati Uniti, assume il falso nome di Sylvia Newton e diventa una grande ballerina. Rimane sempre segretamente in contatto con Padre Ménard, ma non contatterà mai la figlia per non metterla in pericolo.
Solange
Compagna di classe di Loulou al collegio, nonché sua antagonista perché invidiosa del talento della ragazza, cerca in tutti i modi di contrastarla nella sua carriera di ballerina. Tenta di imprigionare Loulou nella sua stanza perché non arrivi all'Opera per l'audizione ma fallisce nel suo piano. Loulou riesce infatti ad arrivare all'Opera e denunciare la perfida compagna che viene cacciata dal teatro da Madame Bataille
Léontine
È praticamente la madre adottiva di Loulou e le vuole bene come ad una figlia. È costretta a separarsi da lei quando Loulou è mandata in collegio da Padre Ménard.
Charles
Amico balbuziente di Loulou, è innamorato di lei e questo scatena un'enorme gelosia in Gaby. Sarà comunque lui che recuperando il testamento Eleonore De Lagny riuscirà a restituire gli averi dei De Lagny ai legittimi eredi. Si rende però conto che l'uomo giusto per Loulou è Gaby, per questo rinuncia all'amore per lei.
L'uomo dal bastone d'argento
Un uomo malvagio al servizio di Bertran de Boriobert che asseconda i suoi loschi piani e tenta di sterminare tutti i componenti della famiglia De Lagny. Tutti credono che sia riuscito nell'intento di uccidere Gautier De Lagny facendolo precipitare da una rupe, in realtà è lui stesso a morire in quell'occasione e Gautier prende il suo posto per tentare di ritrovare la moglie e la figlia.
Bertran de Boirobert
Nemico principale della famiglia Lagny, vuole sterminarla per impadronirsi delle sue ricchezze.
Tcherenko
Antagonista secondario della serie, è uno spietato e pericoloso killer russo creduto morto diversi anni prima degli eventi della storia, che diventa complice del Barone Boirobert. Ucciderà Victore Douchienne che da diverse settimane lavorava con Gaby, buttandolo sotto un treno ed ucciderà anche uno dei suoi complici che voleva rivelare tutto alla polizia. Verrà sconfitto e ucciso da Gaby e Gautier nella puntata finale.
Eleonore De Lagny
È la bisnonna di Loulou. Cieca e costretta su una sedia a rotelle, è l'ultima superstite della famiglia De Lagny e non si è mai rassegnata alla perdita dell'unica nipote Lorraine che crede morta. Loulou la incontra per la prima volta durante un ricevimento al castello di suo padre, quando per carpire delle informazioni si traveste da inserviente di una pasticceria e Eleonore sospetta subito di essere in presenza della pronipote. Purtroppo muore di un attacco cardiaco prima di essere riuscita ad aiutare Loulou a riconquistare ciò che le spettava di diritto.
Gautier De Lagny
È il padre di Loulou ed è creduto morto, ucciso dall'uomo dal bastone d'argento. In realtà è lui stesso che si nasconde dietro questa identità per scoprire i piani del barone e ritrovare la moglie e la figlia, dopo che il vero uomo dal bastone d'argento è morto nel tentativo di ucciderlo.
Dedé l'orbo
È il fedele servitore dell'uomo dal bastone d'argento e crede che il suo padrone sia lo stesso che ha ucciso Gutier, ma che in realtà è lo stesso Gautier. Viene arrestato e ucciso da Tcherenko prima che possa testimoniare che è Boirobert ad aver ucciso Edward Bonfille che era il suo segretario.
Edgar Degas
È un famoso pittore amico di Loulou e Madame Bataille per cui lavora suonando il piano. Denuncerà con Madame Bataille i Ribounet e Madame Trouchu per i loro misfatti contro Loulou.
I fratelli Lumière
Proprio nel periodo in cui è ambientata la storia stanno facendo i loro primi esperimenti con il cinematografo e hanno occasione di riprendere Loulou mentre esegue qualche passo di danza, immortalandola sulla loro pellicola. Sarà durante la proiezione di questo film che Sofia vedrà per la prima volta la figlia dopo tanti anni e con l'aiuto dei fratelli Lumière riuscirà a rintracciarla.
I Ribounet
Sono i perfidi ristoratori che insieme alle loro figlie maltrattano Loulou. Vengono denuciati da Degas e Madame Bataille e arrestati per i loro misfatti contro Loulou.
Melle Trouchu
È la malvagia e crudele direttrice di Loulou che dopo la morte di Padre Mènard maltratta Loulou con ogni mezzo pur di farla soffrire, specialmente impedendole di danzare, arrivando al punto di far finire la ragazza prima dai Ribounet e poi in casa di correzione. Le viene ingiunto da Edgar Degas e da Madame Bataille di lasciare in pace Loulou, con la minaccia di denunciarla sia per i suoi maltrattamenti sia per sfruttamento, dal momento che la donna si arricchiva sfruttando Loulou e in più rubava i soldi che il vescovo le mandava per gli orfani. Tenterà ugualmente di spedire la bambina in casa di correzione ma fallisce: viene denunciata da Degas e Madame Bataille e arrestata per i suoi reati contro Lolulou.
Madame Bataille
È l'insegnante di danza di Loulou nonché amica di Dègas. Sono loro a denunciare i Ribounet e Madame Trouchu per i loro misfatti contro Loulou.
Victore Douchienne
È il direttore del giornale Le Clairon ed ha l'obbiettivo di far incriminare Boirobert per le sue malefatte. Tratta Gaby come un figlio dato che come lui non sopporta le ingiustizie. Viene ucciso da Tcherenko che lo butta sotto un treno per aver pubblicato la notizia della cospirazione di Boirobert. Dopo la sua morte nel suo testamento nomina Gaby nuovo direttore e padrone del giornale.

Errori ed incongruenze[modifica | modifica wikitesto]

Nella serie sono presenti alcune ingenuità ed imprecisioni, spiegabili anche dal target di pubblico, prevalentemente infantile o preadolescenziale[1].

Ep.2 - In collegio
L'uomo col bastone d'argento dice a padre Mènard che lo ha riconosciuto e che si ricorda della notte di 12 anni prima in cui si erano incontrati (cioè quando la madre di Loulou si era nascosta in chiesa e l'uomo col bastone d'argento, che la stava inseguendo, aveva chiesto al prete se l'aveva vista). L'attuale "uomo col bastone d'argento" non è però colui che 12 anni prima aveva inseguito la madre di Loulou e conosciuto padre Mènard, bensì lo stesso padre di Loulou, che ne ha preso l'identità successivamente (ciò è spiegato nell'ep. 25) e che quella notte era da tutt'altra parte e non avrebbe potuto aver parlato con padre Mènard, né tanto meno conoscere i fatti accaduti.
Ep. 13 - Il castello di mio padre
Gaby si intrufola di nascosto in una riunione segreta di pericolosi cospiratori che vogliono prendere il potere e governare il mondo con una dittatura. Nonostante il pericolo che corre, da bravo giornalista prende tranquillamente appunti sul suo taccuino senza che nessuno dei presenti si chieda che cosa stia facendo.
Ep. 14 - Eleonore
I vagoni della metropolitana hanno un aspetto moderno, nonostante la storia sia ambientata nel 1900, ma è un dettaglio riconosciuto da pochi.
Ep. 16 - L'audizione
Durante le prove di danza, il taglio di capelli di Solange cambia ripetutamente, da sciolti a raccolti.
Ep. 25 - Giù le maschere
Ad inizio puntata dell'edizione italiana, durante il riassunto degli episodi precedenti la voce fuori campo rivela che l'uomo dal bastone d'argento è in realtà il padre di Loulou. Tale scoperta viene invece fatta solo in quello stesso episodio: a chi ha ascoltato il riassunto è stato quindi rovinato il "colpo di scena".

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Il doppiaggio italiano è stato eseguito presso la Sun's Edition Video sotto la direzione di Loris Peota[2].

Personaggi Voce francese Voce italiana
Loulou Elisabeth Guinand Sabine Cerullo
Gaby David Scarpuzza Omar Vitelli
Barone Martin Spinayer Gaetano Lizzio
Gautier De Lagny Pierluigi Astore
Madame Bataille Fabienne Loriaux Marcella Mongelli
Solange Fanny Roy
L'uomo dal bastone d'argento Patrick Brull
Padre Ménard Peppino Capotondi

Lista episodi[modifica | modifica wikitesto]

Titolo italiano Flag of Italy.svg Titolo francese Flag of France.svg
1 Il ritorno dell'uomo del bastone d'argento Le retour de l'homme à la canne d'argent
2 In collegio Le pensionnat
3 Il compleanno di Loulou L'escapade
4 Buon Natale Signor Barone Joyeux noël Monsieur le baron
5 1900 1900
6 La fuga La fuite
7 La partenza Le départ
8 I Ribounet Les Ribounets
9 L'incendio L'incendie
10 Ingiustizia Injustice
11 L'evasione L'évasion
12 Il lago dei cigni Le lac des cygnes
13 Il castello di mio padre Le château de mon père
14 Eleonore Eléonore
15 L'incontro La rencontre
16 L'audizione Les petits rats
17 Fulmine a ciel sereno Coup de tonnerre
18 La donna barbuta La femme à barbe
19 Vita nuova Nouvelle vie
20 La ragazza con la maschera di cuoio La jeune fille au masque de cuir
21 Il fantasma di Loulou Le fantôme de Loulou
22 Cancan French cancan
23 Sylvia Newton Sylvia Newton
24 Il ricongiungimento Retrouvailles
25 Giù le maschere Bas les masques
26 Loulou di Montmartre Loulou de Montmartre

Commento musicale[modifica | modifica wikitesto]

Essendo questa serie dedicata al mondo della danza classica, si è posta molta attenzione al commento musicale, che si presenta molto vario; si compone infatti sia di parti originali che di partiture classiche. I compositori classici scelti sono Amilcare Ponchielli e Jacques Offenbach.

Il compositore della musica originale è invece Olivier Lilliboutry, che è stato anche orchestratore e direttore. Olivier è l'autore di tutto il commento musicale eccettuati i brani di Offenbach (La Vie parisienne, Orfeo all'inferno), il brano di Ponchielli (La Gioconda), e i brani: Coppelia (composizione: Léo Delibes, arrangiamento: Vincent Charrier) e Trés Jolie (composizione: Emile Waldteufel, arrangiamento: Vincent Charrier). Missaggio e registrazione sono stati curati da Jean Taxis e Olivier Lilliboutry.

Musiche ricorrenti in ciascun episodio:
  • La chanson de Loulou e Gaby (génériqué début)
  • Valse de Loulou (générique fin)
  • Mystère sur la Butte (résumé des épisodes)
  • Teaser (episode à venir)
Temi romantici o nostalgici:
  • Loulou en pleurs
  • Le Départ
  • Loulou rêve
  • Une Nouvelle Vie
  • Orpheline
  • Enfant perdue
Temi oscuri e misteriosi:
  • L'abandon
  • L'Homme à la Canne d'Argent
  • Aventures au Grenier
  • Poursuite souterraine
Musica di repertorio classico per i balletti:
Musica d'ambientazione parigina:
  • Petite Valse Papillon
  • Moulin Rouge
  • La Java du Lapin
  • Tres Jolie (partie centrale)
  • Le Manége

Interpreti[modifica | modifica wikitesto]

Novellizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Prima ancora che la serie a disegni animati fosse messa in onda, a partire dal 20 marzo 2008 l'editore francese Bayard Jeunesse ha iniziato la pubblicazione di una serie di volumi illustrati che ripercorrono, variando un poco, la trama della serie animata. Il formato è 15x19 cm, con illustrazioni a colori, di una settantina di pagine ciascuno[3].

  1. L'homme à la canne d'argent, 20 marzo 2008, pp. 72 pagine, ISBN 978-2-7470-2348-1.
  2. Le pensionnat, 20 marzo 2008, pp. 76 pagine, ISBN 978-2-7470-2349-8.
  3. Escapade nocturne, 22 maggio 2008, pp. 69 pagine, ISBN 978-2-7470-2350-4.
  4. Les complots du baron, 3 luglio 2008, pp. 71 pagine, ISBN 978-2-7470-2690-1.
  5. Les révélations du père Ménard, 18 settembre 2008, pp. 72 pagine, ISBN 978-2-7470-2705-2.
  6. La petite danseuse, 11 dicembre 2008, pp. 76 pagine, ISBN 978-2-7470-2706-9.
  7. L'adieu au pensionnat, 19 febbraio 2009, pp. 72 pagine, ISBN 978-2-7470-2799-1.
  8. Bienvenue chez les Ribounet !, 24 aprile 2009, pp. 71 pagine, ISBN 978-2-7470-2800-4.
  9. Incendie sur la butte, 25 giugno 2009, pp. 65 pagine, ISBN 978-2-7470-2935-3.
  10. Libérez Trompe-la-Mort !, 22 ottobre 2009, pp. 68 pagine, ISBN 978-2-7470-2936-0.
  11. Le portrait de Sofia, 14 gennaio 2010, pp. 70 pagine, ISBN 978-2-7470-3023-6.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nella sezione "Analyse" della scheda della serie presente in internet-underground.org viene segnalato come il cartone animato sia classificato per un'età che va dai 6 ai 12 anni.
  2. ^ Scheda su antoniogenna.net per il doppiaggio italiano, scheda su internet-underground.org per quello originale francese.
  3. ^ scheda su internet-underground.org per i dati sui volumi.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]